Itsukushima (incrociatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Itsukushima
La Itsukushima in una cartolina del 1905
La Itsukushima in una cartolina del 1905
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tipo incrociatore protetto
Classe Matsushima
Ordinata 1886
Cantiere Compagnie des Forges et Chantiers de la Méditerranée à la Seyne, Francia
Impostata 7 gennaio 1888
Varata 11 luglio 1889
Completata agosto 1891
Caratteristiche generali
Dislocamento 4.285
Lunghezza 91,81 m
Larghezza 15,59 m
Pescaggio 6,05 m
Propulsione Motore alternativo HTE; 2 assi elica; 5.400 CV; Carbone 405/680 t
Velocità 16,5 nodi  (30,6 km/h)
Equipaggio 360
Armamento
Armamento
  • 1 cannone Canet da 12,6" (320mm)
  • 11 cannoni da 4,7" (120mm) (11x1)
  • 5 pezzi da 6 pdr QF (5x1)
  • 11 pezzi da 3 pdr QF (11x1)
  • 4 tubi lanciasiluri da 14" (356mm)
Corazzatura Ponte: 51mm; Torretta: 305mm; Schermo cannoni: 102mm

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La Itsukushima (厳島?) fu un incrociatore protetto classe Matsushima della Marina Imperiale Giapponese impostata il 7 gennaio 1888 nel cantiere di Compagnie des Forges et Chantiers de la Méditerranée à la Seyne, Francia, varata il 11 luglio 1889 e completata nell'agosto 1891. Come le sue navi sorelle (Matsushima e Hashidate) il suo nome deriva da una delle vedute più belle del Giappone, in questo caso Itsukushima nella prefettura di Hiroshima nel mare interno, sede di un famoso santuario shinto dedicato alla dea Benzaiten.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Itsukushima combatté nella battaglia del fiume Yalu e nel successivo attacco contro Weihaiwei nella prima guerra sino-giapponese.

Il 21 marzo 1898 venne riclassificata come incrociatore di seconda classe.

Il 25 febbraio 1901 insieme alla Hashidate salpò da Yokosuka per un tour che la portò a Manila, Batavia, Hong Kong, Chelumpo, Pusan, Gensan, and Vladivostok, ritornando a Yokosuka il 14 agosto 1901.

Durante la guerra russo-giapponese la Matsushima e le sue navi sorelle, ormai troppo vecchie, furono assegnate al 5º Squadrone della Terza Flotta di riserva, insieme con l'ugualmente vecchia ironclad Chin'en al comando dell'ammiraglio Shichiro Kataoka.

Il 28 agosto 1912, venne riclassificata come vascello di difesa costiera di seconda classe e cancellata dalla lista delle navi attive il 12 marzo 1926.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Roger Chesneau, Eugene M. Kolesnik (a cura di). Conway's All the World Fighting's Ships 1860-1905. Londra, Conway Maritime Press Ltd, 1979

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina