Italia's Got Talent

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Italia's Got Talent
Logo del programma Italia's Got Talent
Anno 2009-2013, 2015-
Genere Talent show
Ideatore Simon Cowell
Produttore Fascino PGT in collaborazione con FremantleMedia Italia (2009-2013)

FremantleMedia Italia (dal 2015-)

Presentatore Simone Annicchiarico (2009-2013)
Geppi Cucciari (2010-2011)
Belen Rodriguez (2012-2013)
Vanessa Incontrada (2015-)
Regia Paolo Carcano e Andrea Vicario
Rete Canale 5 (2009 - 2013)
Mediaset Extra (2011 - 2014)
Sky Uno (dal 2015-).

Italia's Got Talent è un programma televisivo italiano andato in onda in prima serata su Canale 5 dal 2009 al 2013 con la conduzione di Simone Annicchiarico e Belén Rodríguez (quest'ultima in sostituzione di Geppi Cucciari a partire dal 2012) e la partecipazione di Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi nel ruolo di giudici.

E' basato sul format inglese Britain's Got Talent. La prima edizione è stata vinta dalla cantante lirica Carmen Masola; la seconda edizione ha visto il trionfo del pittore Fabrizio Vendramin, la terza edizione è stata vinta dall'acrobata flagman Stefano Scarpa, la quarta dal cantante Daniel Adomako, la quinta dal ventriloquo Samuel Barletti. Visto il grande successo della trasmissione, è da considerare uno dei programmi di Mediaset più popolari negli ultimi anni.

Il 1º febbraio 2014 è stato annunciato che Fremantlemedia Italia ha concluso un accordo con Sky Italia per la produzione in esclusiva delle prossime due stagioni di Italia’s Got Talent.[1][2]

Il programma[modifica | modifica sorgente]

Nell'ambito della trasmissione, i tre giudici devono trovare il vero talento tra cantanti, ballerini, maghi, fachiri, contorsionisti, imitatori e molti altri. Notizie di una sua possibile messa in onda iniziarono a circolare già nell'estate del 2009, quando Gerry Scotti annuncia la sua intenzione di lasciare La Corrida e di cimentarsi dal gennaio 2010 in un nuovo varietà con dei talenti, la versione italiana del format (nome paese)'s Got Talent (creato da Simon Cowell e che ha avuto enorme successo in Gran Bretagna, USA ed Australia) prodotto da Maria De Filippi; i nomi possibili del programma furono: Italy’s Got Talent, Italiani che talento e Gerry Scotti Talent Show[3]. Alla fine viene scelto il nome di Italia's Got Talent. Nel novembre 2009 è confermato il progetto, ma cambia e viene scelto come conduttore un volto giovane della televisione, Simone Annicchiarico, mentre la De Filippi e Scotti sono due dei giudici, il terzo è Rudy Zerbi (ex presidente della casa discografica Sony Italia).

La trasmissione è prodotta dalla Fascino PGT di proprietà di Maria De Filippi su licenza della Grundy Italia e la scenografia è di Mario Catalano, le luci di Franco Fratus e la regia di Roberto Cenci.

Il programma è stato condotto (nella versione Mediaset) dalla coppia di conduttori Simone Annicchiarico e Belen Rodriguez per la terza, quarta e quinta edizione (nella prima e seconda edizione Annicchiarico era accoppiato a Geppi Cucciari) , che dietro le quinte intervistano i concorrenti prima e dopo l'esibizione. I tre giudici sono stati Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi, il cui compito è stato quello di giudicare a maggioranza semplice, se l'esibizione di due minuti dei concorrenti li ha convinti o no. La triade giudicante ha però il potere di suonare il buzz, un pulsante luminoso e rumoroso con il quale possono interrompere l’esibizione; se prima della fine della performance suonano tutti e tre i loro buzz, la performance deve essere interrotta. Il concorrente che al televoto risulta vincitore si aggiudica un montepremi pari a 100.000 €.

Il programma è stato in nomination come programma Migliore dell'anno nei premi Oscar TV 2012 e 2013 ed ha vinto nella categoria Top 10 come altri programmi in tutte e due le edizioni.

Il 31 gennaio 2014, Mediaset rende noto che non intende rinnovare il contratto con la casa produttrice FremantleMedia Italia per l'utilizzo del format; causa di tale decisione sono i costi elevati richiesti dal detentore del diritto, in quanto intendeva triplicare il costo a puntata. Il programma sarà trasmesso nelle prossime due stagioni in esclusiva da Sky Uno.

A partire dalla sesta edizione (la prima targata SKY), Simone Annicchiarico sarà sostituito da Vanessa Incontrada mentre i giudici da tre passano a quattro e anch'essi sono nuovi: Claudio Bisio, Frank Matano, Luciana Littizzetto e Nina Zilli.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Edizione Periodo Puntate Vincitore Prima TV Presentatori Giuria Regia Sede Auditel Share
Pilota 12 dicembre 2009
1
N.D. Canale 5 Simone Annicchiarico Maria De Filippi,
Gerry Scotti e
Rudy Zerbi
Paolo Carcano
e Andrea Vicario
Roma, Auditorium Massimo 5.307.000 26,61%
I ed. dal 12 aprile 2010
al 17 maggio 2010
6
Carmen Masola Simone Annicchiarico
e Geppi Cucciari
Roma, Auditorium Massimo
(semifinali e finale teatro 5 di Cinecittà)
5.519.000 26,15%
II ed. dal 7 maggio 2011
al 11 giugno 2011
6
Fabrizio Vendramin Roma, Auditorium Massimo
(semifinale e finale teatro 8 degli studi Elios)
5.317.000 27,57%
III ed. dal 7 gennaio 2012
al 24 marzo 2012
9
Stefano Scarpa Simone Annicchiarico
e Belén Rodríguez
6.675.000 28,26%
IV ed. dal 12 gennaio 2013
al 30 marzo 2013
9
Daniel Adomako Rays Roma, Auditorium Massimo
(semifinale e finale teatro 4 degli studi Elios)
7.196.000 30,42%
V ed. dal 14 settembre 2013
al 9 novembre 2013
9
Samuel Barletti Roma, Auditorium Massimo
(semifinale e finale teatro 8 degli studi Elios)
5.608.000 27,26%
VI ed. gennaio 2015 TBA TBA Sky Uno Vanessa Incontrada Claudio Bisio

Luciana Littizzetto

Frank Matano

Nina Zilli

Puntata pilota (2009)[modifica | modifica sorgente]

La puntata zero e pilota del programma, prodotto da Fascino PGT in collaborazione con FremantleMedia Italia, è stata registrata il 2 dicembre 2009[4] all'Auditorium Massimo di Roma ed è andata in onda sabato 12 dicembre 2009[5] su Canale 5 (cioè fuori dalla fascia di garanzia[5] della rete perché bisognava sperimentare il nuovo programma al fine di poter valutare se fosse possibile sostituire[6] con successo lo show La Corrida dopo l'addio di Gerry Scotti risalente all'agosto 2009[6]) con la conduzione di Simone Annicchiarico; in giuria[7] troviamo Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi.

Prima edizione (2010)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Italia's Got Talent (prima edizione).

Visto il grande successo ricevuto (pari ad uno share del 26% e oltre 5 milioni di telespettatori) dalla puntata pilota citata sopra, il talent show è poi andato in onda con la prima edizione, ogni lunedì dal 12 aprile al 17 maggio 2010, con la conduzione di Simone Annicchiarico e Geppi Cucciari e in giuria Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi. Le prime tre puntate di casting sono state registrate e sono andate in onda dall'Auditorium Massimo di Roma, mentre le semifinali sono andate in onda dal teatro 5 di Cinecittà, sempre a Roma. La finalissima ha visto il trionfo della cantante lirica Carmen Masola che vinse anche il premio finale di 100.000 euro. Sul podio sono arrivati anche Federico Fattinger e Demis Facchinetti, rispettivamente secondo e terzo classificato.

Seconda edizione (2011)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Italia's Got Talent (seconda edizione).

La seconda edizione di Italia's Got Talent è andata in onda su Canale 5 il sabato sera dal 7 maggio all'11 giugno 2011 e ha visto confermato l'intero cast, dalla conduzione di Simone Annicchiarico e Geppi Cucciari ai tre giudici Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi. Le prime quattro puntate di casting sono state registrate all'Auditorium Massimo di Roma, mentre le ultime due (semifinale e finale), sono state trasmesse in diretta dagli studi Elios di Roma. La seconda edizione del programma ha visto il trionfo e l'assegnazione del premio finale di 100.000 € al pittore Fabrizio Vendramin. Si sono classificati rispettivamente al secondo posto, il gruppo di acrobati Fratelli Pellegrini e al terzo il fachiro Simone Calati.

Terza edizione (2012)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Italia's Got Talent (terza edizione).

La terza edizione di Italia's Got Talent è andata in onda su Canale 5 dal 7 gennaio al 24 marzo 2012 per 11 puntate (6 di provini, 2 semifinali, una finale e due puntate speciali con i pezzi salienti di questa edizione). I giudici sono rimasti Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi, mentre alla conduzione Simone Annicchiarico è stato affiancato da Belén Rodríguez. Le prime puntate erano andate in onda dall'Auditorium Massimo di Roma mentre le semifinali e la finale sono andate in onda in diretta dal Teatro 8 degli studi Elios di Roma. La terza edizione del programma ha visto il trionfo e l'assegnazione del premio finale di 100.000 € all'"uomo bandiera" Stefano Scarpa con classificati rispettivamente al secondo posto Eugenio Amato e al terzo il mentalista Federico Soldati.

Quarta edizione (inverno 2013)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Italia's Got Talent (quarta edizione).

La quarta edizione del talent show è andata in onda su Canale 5 da sabato 12 gennaio 2013 fino al 30 marzo 2013 per 11 puntate (6 di provini, 2 di semifinale, una finalissima e due puntate speciali con i pezzi salienti di questa edizione). I giudici sono rimasti Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi e anche alla conduzione è rimasta la coppia Simone Annichiarico e Belén Rodríguez. Le prime puntate sono state registrate presso l'auditorium massimo di Roma con il discorso d'inaugurazione mentre le semifinali e la finale sono andate in onda in diretta dallo studio 4 della Elios in Roma. La quarta edizione del programma ha visto il trionfo e l'assegnazione del premio finale di 100.000 € al cantante Daniel Adomako, al secondo posto si sono classificati i "Fratelli Lo Tumolo" e al terzo posto il "ballerino" Roberto Carlisi. Questa edizione ha raggiunto ascolti record battendo i risultati delle edizioni precedenti.

Quinta edizione (autunno 2013)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Italia's Got Talent (quinta edizione).

La quinta edizione del talent show è andata in onda su Canale 5 da sabato 14 settembre 2013 al 9 novembre 2013 per 11 puntate (6 di provini, 2 di semifinale, una finalissima e due puntate speciali con i pezzi salienti di questa edizione). I giudici sono rimasti Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi e anche alla conduzione rimane la coppia Simone Annichiarico e Belén Rodríguez. Seconda consecutiva ad essere trasmessa nel 2013 non è presente il discorso d'inaugurazione ma le prime puntate sono state riprese dall'auditorium Massimo di Roma mentre le semifinali e la finale sono andate in onda in diretta dallo studio 8 del Centro Titanus Elios di Roma. La quinta edizione del programma ha visto il trionfo e l'assegnazione del premio finale di 100.000 € al ventriloquo Samuel Barletti, al secondo posto è classificato il violinista Francesco Nicolosi e al terzo posto i pattinatori sul ghiaccio Stefania Berton e Ondrej Hotarek.

Sesta edizione (gennaio 2015)[modifica | modifica sorgente]

La sesta edizione del talent show verrà condotta da Vanessa Incontrada e andrà in onda su Sky Uno in gennaio 2015; sarà caratterizzata da numerosi cambiamenti rispetto alle precedenti. I giudici non saranno più tre, bensì quattro: Luciana Littizzetto, Claudio Bisio, Nina Zilli e Frank Matano.

Premi e Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stra-Boom! Italia’s Got Talent su Sky. Ora e’ ufficiale anche il passaggio al satellite
  2. ^ Italia’s Got Talent arriva su Sky in fremantlemedia.it.
  3. ^ www.mondoreality.com Gerry Scotti parla di Italia’s Got Talent
  4. ^ Italia’S Got Talent, Gli Spettatori Dello Speciale: “Show Esaltante” | Davidemaggio.It
  5. ^ a b ITALIA’S GOT TALENT: LA PUNTATA PILOTA IN ONDA SABATO 12 DICEMBRE (PROMO) | DavideMaggio.it
  6. ^ a b Maria De Filippi, L’Italia Ha Talento E I Grammy Awards: Questioni Di… Fascino! | Davidemaggio.It
  7. ^ ITALIA’S GOT TALENT: DOMANI LO SPECIALE IN ONDA SU CANALE5. ECCO LE DICHIARAZIONI DEI GIUDICI | DavideMaggio.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]