Istmo tiroideo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Istmo tiroideo
Gray1174.png
La tiroide e i suoi rapporti, con l'istmo visibile al centro
Anatomia del Gray subject #272 1270
Sistema Sistema endocrino
Arteria tiroidea superiore
Vena tiroidea inferiore

L'istmo tiroideo è una porzione della tiroide che unisce, di fronte alla trachea, i due lobi di questa ghiandola endocrina, in una particolare conformazione che può ricordare la lettera H, ma che può tuttavia essere assente[1].

Dall'istmo può originare il cosiddetto lobo piramidale della tiroide[1].

Dimensioni e posizione[modifica | modifica wikitesto]

Le sue dimensioni sono molto variabili, ma sono in media di poco superiori al centimetro in larghezza e in altezza. Anche la posizione è variabile, sebbene si localizzi solitamente anteriormente al secondo e terzo anello cartilagineo della trachea[1].

Rapporti anatomici[modifica | modifica wikitesto]

L'istmo della tiroide risulta coperto, in senso postero-anteriore, dai muscoli sternotiroidei, dalla fascia pretracheale, dai muscoli sternoioidei, dalle vene giugulari anteriori, dalla fascia cervicale superficiale e dal tessuto cutaneo[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Standring, p. 423-4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Anastasi, et al., Trattato di anatomia umana, vol. 2, 4ª ed., Milano, Edi.Ermes, 2006, p. 498, ISBN 978-88-7051-286-1.
  • Standring, Anatomia del Gray, Elsevier, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]