Istituto di fisica nucleare Budker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'istituto Budker d'inverno

L'Istituto di fisica nucleare Budker è uno dei maggiori centri di ricerca avanzata di fisica nucleare della Russia. Si trova sulla prospettiva Lavrentiev nella cittadina di Akademgorodok accanto alla città di Novosibirsk, in Siberia.

Fu fondato nel 1959 da Gerš Itskovič Budker e dopo la sua morte nel 1977 l'istituto cambiò il nome in suo onore. Il titolo ufficiale in russo è Институт Ядерной Физики имени Будкера (Сибирского Отделения Российской Академии наук) o abbreviato ИЯФ (СО РАН).

Malgrado il suo nome, il centro non è coinvolto nella ricerca nucleare militare, né cura la realizzazione di reattori nucleari. La sua attività è invece concentrata sulla fisica delle alte energie e la fisica delle particelle. Nel 1961 fu messo in operazione VEP-1, il primo acceleratore di particelle nel mondo che faceva collidere due fasci di particelle subatomiche. L'Istituto contribuisce alla costruzione del Large Hadron Collider del CERN mettendo a disposizione equipaggiamento, compresi i magneti per guidare i fasci di particelle.

Il centro impiega circa 3000 persone: 440 ricercatori, 60 ricercatori dottorandi, 760 ingegneri, 350 tecnici di laboratorio e 1300 lavoratori. Fra i collaboratori dell'istituto Budker ci sono 5 accademici dell'Accademia Russa delle Scienze, 6 membri corrispondenti, 60 dottori di scienza, 160 dottori di ricerca. L'istituto viene diretto dal consiglio scientifico - chiamato "Tavola rotonda" - e collabora in ricerca ed istruzione con l'Università statale di Novosibirsk che si trova accanto.

Direttori dell'Istituto[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]