Istituto dei padri di Schönstatt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Istituto dei Padri di Schönstatt)

L'Istituto dei padri di Schönstatt (in latino Schönstatt patres) è un istituto secolare clericale di diritto pontificio.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Kentenich, fondatore del movimento di Schönstatt

La congregazione venne fondata a Schönstatt, presso Vallendar, dal sacerdote pallottino Josef Kentenich (1885-1968), direttore spirituale del locale ginnasio della Società. Il 18 ottobre 1914 espose ai giovani seminaristi il suo piano di rinnovamento religioso, fondato sulla consacrazione (o alleanza d'amore) a Maria invocata con il titolo di Madre e Regina tre volte Ammirabile.[2]

La provincia di Limburgo della Società dell'apostolato cattolico approvò il piano il 18 luglio 1919 e consentì a Kentenich di propagarlo anche al di fuori della congregazione.[2]

Il 12 ottobre 1964 il movimento di Schönstatt si staccò dai pallottini: i sacerdoti provenienti dalla Società si unirono ai sacerdoti diocesani e ai seminaristi legati al movimento e si costituirono in istituto secolare, canonicamente eretto da Adolf Bolte, vescovo di Fulda, il 18 luglio 1965.[3]

L'istituto divenne centrale e motrice dell'opera di Schönstatt e nel 1973 gli venne concessa la facoltà di incardinare i suoi membri.[3]

Quello dei padri di Schönstatt venne riconosciuto come istituto di diritto pontificio il 24 giugno 1988.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ann. Pont. 2010, p. 1480.
  2. ^ a b G. Rocca, DIP, vol. VIII (1988), coll. 1060-1064.
  3. ^ a b G. Rocca, DIP, vol. VIII (1988), col. 43.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annuario pontificio per l'anno 2010, Libreria editrice vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli istituti di perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo