Isotta Fraschini Delta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isotta Fraschini Delta
Isotta Fraschini Delta RC131.jpg
Un Isotta Fraschini Delta RC131 esposto presso il museo dell’aeronautica svedese (Flygvapenmuseum) di Linköping
Descrizione
Costruttore Isotta Fraschini
Tipo motore a V rovesciata
Numero di cilindri 12
Raffreddamento ad aria
Alimentazione 4 carburatori Isotta Fraschini
Distribuzione DOHC 2 valvole per cilindro
valvole di scarico con inserti al sodio
Compressore centrifugo monostadio, rpm/rpm motore = 9,8:1
Dimensioni
Lunghezza 2.000 mm
Larghezza 840 mm
Altezza 883 mm
Cilindrata 26.685 L
Alesaggio 132 mm
Corsa 160/165 mm
Rap. di compressione 6,4:1
Peso
A vuoto 510 kg
Prestazioni
Potenza 750 CV a 2.600 giri/min, 4.000 metri (max)
770 CV a 2.500 giri/min al decollo
Consumo specifico 270 gm/hp.h (max)
250 gm/hp.h (70%)
Rapporto peso-potenza 1.485 hp/kg
Combustibile benzina 80/87 ottani
Note
dati riferiti al modello Delta RC.35 IS
voci di motori presenti su Wikipedia

L'Isotta Fraschini Delta era un motore aeronautico 12 cilindri a V rovesciata raffreddato ad aria costruito dall'azienda italiana Isotta Fraschini nel periodo che va dagli anni trenta alla seconda guerra mondiale.

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La configurazione adottata era piuttosto rara per un motore di queste dimensioni in quanto esistevano dei problemi di raffreddamento. Essendo i cilindri posti in linea su ogni bancata, il flusso d'aria diminuiva verso la parte posteriore con il pericolo di surriscaldamento dell'ultimo cilindro. Inizialmente, nella versione RC 35, sviluppava una potenza di 700 CV, aumentata nelle versioni successive sino ad arrivare agli 850 CV sviluppati dalla versione IV. Pur non essendo un motore ampiamente utilizzato venne installato in diversi velivoli, soprattutto prototipi.

Sebbene un motore in linea raffreddato ad aria risultasse già sorpassato negli anni trenta, il Delta era caratterizzato da alcune sofisticate scelte tecniche. Per esempio le valvole erano azionate da due alberi a camme in testa (DOHC) che ricevevano il moto da un albero nella parte posteriore del motore. Le feritoie di scarico uscivano nella parte interna della V del motore permettendo ai tubi di scarico di uscire sotto alla cappottatura del motore.

Velivoli utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Francia Francia
Germania Germania
bandiera Regno d'Italia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Jane's All the world aircrafts, 1942.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]