Isotopi dell'idrogeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli isotopi dell'idrogeno più diffusi; da sinistra a destra: prozio, deuterio e trizio.

In natura esistono 3 isotopi dell'idrogeno (H): 1H (prozio), 2H (deuterio) e 3H (trizio), mentre gli altri (da 4H a 7H) hanno un nucleo fortemente instabile che impedisce un'emivita superiore anche solo al millesimo di secondo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Idrogeno-1 (prozio)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Prozio (chimica), Idrogeno e Atomo di idrogeno.

È l'isotopo che compone quasi tutto l'idrogeno che si trova in natura (99,985%), il suo nucleo è composto da un solo protone, attorno al quale ruota un elettrone. È l'unico tra gli isotopi dell'idrogeno a non possedere neutroni.

Idrogeno-2 (deuterio)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Deuterio.

L'altro isotopo stabile di H è conosciuto come deuterio e ha nel nucleo un protone e un neutrone.
La molecola che invece di due atomi di idrogeno ne ha due di deuterio (D2O) è chiamata acqua pesante e compone in piccola parte l'acqua che utilizziamo ogni giorno.
Il deuterio è anche un potenziale carburante per i reattori nucleari.[1]

Idrogeno-3 (trizio)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Trizio.

L'isotopo radioattivo più stabile dell'idrogeno è il trizio, con un'emivita di 12,32 anni e nel nucleo ha un protone e due neutroni.
Il trizio ha numerosi impieghi nella ricerca biologica; per esempio, iniettando nel sangue di pazienti molecole contenenti trizio in quantità limitata si può seguire tramite specifiche apparecchiature mediche la loro concentrazione all'interno di organi e tessuti per verificarne la funzionalità.

Idrogeno-4[modifica | modifica wikitesto]

4H è un isotopo dell'idrogeno altamente instabile. Il nucleo contiene un protone e tre neutroni. È stato sintetizzato in laboratorio bombardando delle molecole di trizio con nuclei di deuterio ad alta velocità.[2] In questo esperimento, i nuclei di trizio hanno catturato i neutroni dei nuclei di deuterio. La presenza di idrogeno-4 è stata dedotta individuando i protoni emessi. La massa atomica di questo isotopo è di 4.027806 ± 0.000110 uma.[3] Decade tramite emissione di neutroni e ha un'emivita di (1.39 ± 0.10) × 10−22 secondi.[4]

Idrogeno-5[modifica | modifica wikitesto]

5H è un isotopo dell'idrogeno altamente instabile. Il nucleo contiene un protone e quattro neutroni. È stato sintetizzato in laboratorio bombardando delle molecole di trizio con nuclei di trizio ad alta velocità.[2][5] In questo esperimento, un nucleo di trizio cattura due neutroni dell'altro, e si viene a formare un nucleo con un protone e quattro neutroni. I protoni rimanenti possono essere individuati, e quindi dedotta l'esistenza dell'idrogeno-5. Questo isotopo decade tramite emissione di neutroni e ha un'emivita di almeno 9.1 × 10−22 secondi.[4] La sua massa atomica è di 5.035311 ± 0.000107 uma.[3]

Idrogeno-6[modifica | modifica wikitesto]

6H ha un protone e 5 neutroni, tende quindi a decadere con emissione di neutroni[6] in due possibili catene di decadimento:

6H → 3n + 3H → e+ + 3He
6H → n + 5H → 2n + 3H → e+ + 3He

L'idrogeno-6 ha un'emivita di 2,90 × 10-22  secondi che non ne permette alcun utilizzo pratico. Ha una massa atomica di 6.044942 ± 0.000284 uma.[3]

Idrogeno-7[modifica | modifica wikitesto]

7H è formato da un protone e sei neutroni. È stato sintetizzato per la prima volta da un gruppo di ricercatori russi, giapponesi e francesi al laboratorio Riken bombardando dell' idrogeno con degli atomi di elio-8[7].

Tabella degli isotopi[modifica | modifica wikitesto]

Massa atomica standard: 1,00794 u

simbolo Z N massa isotopica (u)[8] emivita[8] spin nucleare DM DP NA
1H 1 0 1.00782503207(10) STABILE +1/2 99,985%
2H 1 1 2.0141017778(4) STABILE +1 0,015%
3H 1 2 3.0160492777(25) 12,32 anni +1⁄2 β 3He tracce
4H 1 3 4.027806(111) 1,39(0,10) × 10−22  sec -2  ? 3H -
5H 1 4 5.035311(107) >>9.1 × 10−22  sec ? (+1⁄2) -
6H 1 5 6.044942(284) 2.90(70) × 10−22  sec -2 n 3He -
7H 1 6 7.05275(108) 2.3(6) × 10−23  sec +1/2 -

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LE SCIENZE:Deuterio ultradenso prodotto in laboratorio (13 maggio 2009)
  2. ^ a b G. M. Ter-Akopian, et al., American Institute of Physics Conference Proceedings 610, Hydrogen-4 and Hydrogen-5 from t+t and t+d transfer reactions studied with a 57.5-MeV triton beam, Nuclear Physics in the 21st Century: International Nuclear Physics Conference INPC 2001, pp. 920-924, DOI:10.1063/1.1470062.
  3. ^ a b c (EN) Valutazione della massa atomica dal sito Atomic Mass Data Center. URL consultato il 15-11-2008.
  4. ^ a b (EN) G. Audi, O. Bersillon; J. Blachot; A. H. Wapstra, The NUBASE evaluation of nuclear and decay properties in Nuclear Physics A 729, 2003, pp. 3–128.
  5. ^ (EN) A. A. Korsheninnikov, M. S. Golovkov; I. Tanihata; A. M. Rodin; A. S. Fomichev; S. I. Sidorchuk; S. V. Stepantsov; M. L. Chelnokov; V. A. Gorshkov; D. D. Bogdanov, Superheavy Hydrogen 5H in Physical Review Letters, 2001, DOI:10.1103/PhysRevLett.87.092501.
  6. ^ Wolfram Alpha Computational knowledge engine
  7. ^ (EN) APS letters: Created the superheavy 7H
  8. ^ a b Tra parentesi è indicata l'incertezza sulle ultime cifre, che denota una deviazione standard.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia