Isostenuria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Si definisce isostenuria il reperto di laboratorio caratterizzato da basso peso specifico delle urine, simile a quello del plasma sanguigno deproteinizzato.

Fisiopatologia[modifica | modifica sorgente]

Il peso specifico delle urine isostenuriche è compreso fra 1010 e 1015. Tale è anche il peso specifico del filtrato glomerulare, cioè del liquido che si raccoglie nella capsula di Bowman dei glomeruli renali prima di defluire lungo i tubuli, ove la sua composizione e la concentrazione delle sostanze che vi sono disciolte vengono profondamente modificate. L’isostenuria esprime quindi un danno nella funzione dei tubuli renali, e si incontra in tutti i casi di insufficienza renale cronica avanzata. Si riscontra anche nel corso della risoluzione di un'insufficienza renale acuta da cause intrarenali: le cellule epiteliali tubulari sono in grado di dedifferenziare e proliferare per sostituire le cellule perdute con la necrosi e ristabilire l'integrità strutturale epiteliale, ma non quella funzionale (nelle prime fasi non presentano specializzazioni) Aumenta la diuresi con produzione di urina isostenurica (fino a 5-8 l al giorno). Quando invece la capacità del rene a concentrare le urine è compromessa solamente in parte si parla di ipostenuria.

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina