Isola di Sehel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Sito archeologico}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Isola di Sehel
Stele iscritte dell'isola di Sehel.
Stele iscritte dell'isola di Sehel.
Geografia fisica
Localizzazione fiume Nilo
Coordinate 24°03′33″N 32°52′16″E / 24.059167°N 32.871111°E24.059167; 32.871111Coordinate: 24°03′33″N 32°52′16″E / 24.059167°N 32.871111°E24.059167; 32.871111
Geografia politica
Stato Egitto Egitto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Egitto
Isola di Sehel

[senza fonte]

voci di isole dell'Egitto presenti su Wikipedia

L'Isola di Sehel è un'isola ed un sito archeologico egiziano, a 4 km da Assuan.

Del gruppo di isole fa parte anche l'isola di File. Il nome antico dell'isola è:

S22
t t
O49

sṯyt - Setit

L'isola - luogo di culto principalmente di Anuqet, figlia del dio Khnum, è dominata da due colline rocciose, coperte da oltre duecento iscrizioni, risalenti in parte all'Antico Regno: queste erano dedicate soprattutto dalle spedizioni che salivano o scendevano la Prima Cataratta, ringraziando gli dei per il buon esito del viaggio. La più celebre, posta sulla parte alta della collina orientale, è la cosiddetta Stele della carestia, inizialmente attribuito al faraone Zoser (III dinastia) per i sette anni di carestia[1] del suo regno dovuti all'abbassamento delle acque del Nilo. In realtà studi recenti hanno provato che la stele è stata realizzata dai sacerdoti del di Khnum di Elefantina del periodo tolemaico per rivendicare le terre a loro concesse dal faraone Zoser a suo tempo.

L'isola è abitata da nubiani raggruppati in un caratteristico villaggio. Il Signor Nimery, un trentenne, guida una organizzazione - Community Society of Sehel Island - che cerca di migliorare le condiziozioni di vita sull'isola, tramite contributi di benefattori. Finora ha ottenuto una collaborazione svizzera per il migliorameto del ritiro dei rifiuti del villaggio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La tradizione vuole che il faraone risolse il problema donando terre al Tempio di Khnum; la carestia è comunque documentata da alcuni frammenti nel complesso della Piramide di Unis a Saqqara e da testi autobiografici dalla tomba di Ankhtifi ad el-Mahalla.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maurizio Damiano-Appia, Dizionario enciclopedico dell'antico Egitto e delle civiltà nubiane, Mondadori, ISBN 88-7813-611-5
  • Mario Tosi, Dizionario enciclopedico delle divinità dell'antico Egitto, vol. II, Ananke, ISBN 88-7325-115-3
  • Margaret Bunson, Enciclopedia dell'antico Egitto, Fratelli Melita Editori, ISBN 88-403-7360-8

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]