Isola di Saint Paul (Alaska)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saint Paul
Pribilof-Inseln-St.Pauls.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Bering
Coordinate 57°11′00″N 170°16′00″W / 57.183333°N 170.266667°W57.183333; -170.266667Coordinate: 57°11′00″N 170°16′00″W / 57.183333°N 170.266667°W57.183333; -170.266667
Arcipelago Isole Pribilof
Superficie 104 km²
Classificazione geologica vulcanica
Geografia politica
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Alaska Alaska
Demografia
Abitanti 479 (2010)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Alaska
Saint Paul

fonte commerce.state.ak.us[1]

voci di isole degli Stati Uniti d'America presenti su Wikipedia

L'isola di Saint Paul (isola di San Paolo) è la più grande delle isole Pribilof che si trovano a nord dell'arcipelago delle Aleutine, tra l'Alaska e la Russia. L'isola appartiene all'Alaska (USA). La città di St. Paul è l'unico centro abitato dell'isola. Le due isole più vicine a Saint Paul sono Otter a sud-ovest e Walrus a est.

L'isola è stata scoperta il 29 giugno, giorno dei SS. Pietro e Paolo, del 1787 e chiamata quindi Saint Peter and Saint Paul[2] rimanendo poi, nell'uso popolare, solo Saint Paul.

L'isola ha la più grande comunità aleuta degli Stati Uniti, gli abitanti appartengono alla chiesa ortodossa russa.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alaska Community Database
  2. ^ GNIS Feature Detail Report for: Saint Paul Island
L'isola di Saint Paul

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]