Isola dei Serpenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola dei Serpenti
Острів Зміїний
Zmeinyi-sea.JPG
Geografia fisica
Localizzazione Mar Nero
Coordinate 45°15′18″N 30°12′15″E / 45.255°N 30.204167°E45.255; 30.204167Coordinate: 45°15′18″N 30°12′15″E / 45.255°N 30.204167°E45.255; 30.204167
Superficie 0,17 km²
Altitudine massima 40 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Ucraina Ucraina
Demografia
Abitanti 1 (2009)
Densità 6 ab./km²
Cartografia
Insula Serpilor map.png
Mappa di localizzazione: Ucraina
Isola dei Serpenti

[senza fonte]

voci di isole dell'Ucraina presenti su Wikipedia

L'isola dei Serpenti (in ucraino Острів Зміїний, Ostriv Zmiïnyj; in romeno Insula Şerpilor) è la principale isola di un arcipelago di cinque isole del Mar Nero. Si trova a 45 km dalle coste della Romania e dell'Ucraina. Fa parte della provincia (raion) di Kiliya nell'oblast' di Odessa, Ucraina. La piattaforma continentale dell'isola è particolarmente ricca di petrolio e gas naturale, giacimenti scoperti negli anni ottanta. La popolazione residente nell'isola è costituita dagli addetti al faro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sull'isola, secondo il mito, sarebbe stato sepolto Achille, l'eroe dell'Iliade.

L'Isola dei Serpenti era entrata a far parte del Regno di Romania nel 1878. Nel 1948 l'Unione Sovietica si impadronì dell'isola, la cui cessione non era stata prevista dal Trattato di Pace del 1947, grazie alla complicità del regime comunista (in particolare Ana Pauker) appena giunto al potere in Romania[1] e vi impiantò una base militare. Nel 1991, dopo la dissoluzione dell'URSS, l'Ucraina ereditò l'isola.

La Romania post-Ceauşescu non avanzò alcuna rivendicazione territoriale e nel 1997 firmò un accordo nel quale riconosceva la sovranità ucraina sull'isola. Tuttavia, negli anni '90, l'Ucraina cominciò ad inviare dei militari sull'isolotto, con l'appoggio della Russia; la cosa creò tensioni con la Romania, che chiese un accordo bilaterale, in particolare per la definizione delle acque territoriali e della zona economica esclusiva.

La delimitazione delle acque territoriali nei dintorni dell'isola dopo la sentenza del 2009

Nel 2004, senza che si fosse arrivati a tale accordo, Bucarest si rivolse alla Corte Internazionale di Giustizia dell'Aia e, in seguito, al Consiglio dell'Unione europea, di cui la Romania è membro. La disputa è terminata il 3 febbraio 2009, quando, con una delibera, la Corte Internazionale di Giustizia dell'Aia ha assegnato definitivamente il 79,34% del triangolo sottomarino che circonda l'isola dei Serpenti alla Romania.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]