Isola Uedinenija

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Isola Uedinenija
Остров Уединения
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Kara
Coordinate 77°29′00″N 82°30′00″E / 77.483333°N 82.5°E77.483333; 82.5Coordinate: 77°29′00″N 82°30′00″E / 77.483333°N 82.5°E77.483333; 82.5
Superficie 20 km²
Dimensioni 18,5 km
Altitudine massima 25 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Russia Russia
Distretto federale Distretto Federale Siberiano
Kraj Territorio di Krasnojarsk
Rajon Tajmyrskij
Cartografia
Kara sea2UE.PNG
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Isola Uedinenija

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola Uedinenija (in russo Остров Уединения, Óstrov Uedinenija; in norvegese: Ensomheden; in italiano "isola della solitudine") è un'isola russa che si trova isolata al centro del mare di Kara. Amministrativamente fa parte del Tajmyrskij rajon del Territorio di Krasnojarsk, nel Distretto Federale Siberiano.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

L'isola Uedinenija è lunga 18,5 km, ha una superficie di 20 km² e un'altezza massima di 25 m. Le terre più vicine sono le isole Izvestija CIK, circa 150 km a sud.

Il terreno è composto da sedimenti sabbiosi e la vegetazione è quella tipica della tundra. La parte occidentale dell'isola ha coste alte e ripide; a est la superficie dell'isola progressivamente si riduce in altezza. Brevi corsi d'acqua drenanti, a est, sfociano nel laguna settentrionale chiusa da una lingua di terra lunga e stretta. Il torrente più grande, il Johannsen, è lungo circa 2,5 km.

Data la sua posizione, il clima dell'isola è rigido, il mare circostante d'inverno è coperto dai ghiacci. Lastroni di ghiaccio si trovano comunemente anche in estate.

Uedineniya.PNG

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'isola fu scoperta il 26 agosto 1878 dal capitano norvegese Edvard Holm Johannesen[1] (1844-1901) di Tromsø sulla goletta Nordland e fu chiamata Ensomheden (solitudine) a causa della sua posizione isolata. La bandiera russa è stata issata sull'isola Uedinenija nell'autunno 1915 dalla spedizione sul barcone Eclipse comandato da Otto Sverdrup.

Il 7 settembre 1934 la spedizione sulla rompighiaccio Sadko, con al comando il capitano A. K. Burke, e accompagnato dalla rompighiaccio Ermak, fondò sull'isola una stazione polare. L'8 settembre 1942, il sottomarino tedesco U-251 (comandata dal cap. Timm) affiorò vicino all'isola e attaccò la stazione meteorologica e la sua guarnigione, sparando granate contro tali obiettivi, la stazione tuttavia ha continuato ad operare[2]. Questa è stata una delle ultime azioni della cosiddetta operazione Wunderland[3] della Kriegsmarine. La stazione polare è stata chiusa nel 1996.

Durante una spedizione, nel 1930, è stata scoperta sull'isola una vertebra cervicale di un plesiosauro (Plesiosaurus latispinus). È stata studiata dal paleontologo sovietico A. N. Rjabinin[4].

Dal maggio 1993, Uyedineniya è entrata a far parte parte della Riserva naturale del Grande Artico, la più grande riserva naturale della Russia volta a preservare l'habitat dell'orso polare, di trichechi e foche, e molte specie di uccelli che vivono sull'isola.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (NO) Nordisk familjebok: Johannesen, Edvard Holm
  2. ^ (RU) F.A. Romanenko, O. A. Šilovceva, Le stazioni polari russe ("La mattina dell'8 settembre il sottomarino U-251 ha fatto fuoco per mezz'ora sulla stazione polare dell'isola della Solitudine, dove c'erano sette persone. Tre proiettili sono caduti sulla casa, alcuni sulla radio, uno sul porcile, più di venti sulla turbina eolica, la torre radio principale, il padiglione attinometrico. Ma la radio dopo il bombardamento della centrale ha continuato a lavorare.")
  3. ^ ALL WORLD WARS OPERATION WUNDERLAND August 1942
  4. ^ Anatolij Nikolaevič Rjabinin (1875-1942), laureato presso l'Istituto Minerario di San Pietroburgo (1897); biografia in russo: [1].

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rudolf Samoylovich, Exploration of the Polar Part of U.S.S.R. in 1934 and the Sedov expedition.
  • Albert Hastings Markham. Arctic Exploration, 1895.
  • A.N. Ryabinin, On new discoveries of Plesiosauria in the Soviet Arctic and of a centrum of a cervical vertebra of Plesiosaurus latispinus Owen from the Lonely island in the Kara sea (Russia); Problems of the Arctic AARI, Leningrad; 1939
  • L. Peillard, Geschichte des U-Bootkrieges 1939−1945. 1970.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Racconto di una spedizione nell'Artico: [2] (2001)