Isola Stolbovoj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola Stolbovoj
Столбовой остров
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Laptev
Coordinate 74°04′10″N 135°49′26″E / 74.069444°N 135.823889°E74.069444; 135.823889Coordinate: 74°04′10″N 135°49′26″E / 74.069444°N 135.823889°E74.069444; 135.823889
Arcipelago Isole della Nuova Siberia
Superficie 350,4 km²
Dimensioni 47 × 10 km
Altitudine massima 222 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Russia Russia
Distretto federale Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Repubblica autonoma Sacha-Jacuzia Sacha-Jacuzia
Ulus Bulunskij
Cartografia
Stolbovoy.PNG
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Isola Stolbovoj
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Isola Stolbovoj
New Siberian Islands map.png

[senza fonte]

voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola Stolbovoj (in russo Столбовой остров; in italiano "isola Pilastro")[1] fa parte del gruppo delle Ljachov, nell'arcipelago della Nuova Siberia, situato nell'(Oceano Artico).

Amministrativamente appartiene al Bulunskij ulus della Repubblica autonoma di Sacha-Jacuzia.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Stolbovoj è la più occidentale delle Ljachov, 120 km[2] a est del resto del gruppo. È situata 184 km[2] a nord della terraferma e 100 km[2] a sud-ovest dell'isola Kotel'nyj nel gruppo delle Anžu.

L'isola ha una forma allungata che si estende da nord-ovest a sud-est per circa 42 km e una larghezza di 10 km.[2] La sua superficie è di 350,4 km²,[3] il punto culminante si situa a 222 m s.l.m. nella parte centro-meridionale, e ha uno sviluppo costiero di 104,8 km.[3]
Le coste sono regolari, con poche insenature; le scogliere si alzano per 15–70 m, con i rilievi più bassi lungo le spiagge dominati dalle più alte e arretrate strutture rocciose a terrazze. L'estremità settentrionale si chiama capo Skalistyj (мыс Скалистый, mys Skalistyj), quella meridionale capo Povorotnyj (мыс Поворотный, mys Povorotnyj).
L'isola è disseminata di zone umide e paludose e di piccoli corsi d'acqua, molti dei quali a carattere stagionale, che nascono dalle alture che formano l'asse centrali e scorrono in tutte le direzioni. Il più lungo è la Stolbovaja (река Столбовая, reka Stolbovaja), che scorre per 12 km e sfocia nella parte centrale della costa orientale.
Al contrario, i laghi sono poco numerosi; il più grande, il Melkoe (озеро Мелкое, ozero Melkoe), si trova nella parte nord-occidentale ed è un lago di origine lagunare che misura circa 4 km di lunghezza e 2 km di larghezza.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

Stolbovoj è costituita da rocce sedimentarie tettonicamente deformate, accumulatesi durante il tardo Giurassico e l'inizio del Cretaceo. Si tratta principalmente di torbiditi contenenti fossili di bivalvi marini, composte da strati di siltite e argillite. Queste rocce sono state piegate in strutture sinclinali, fortemente fagliate, e frapposte a piccoli dicchi di quarzo-diorite.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Il terreno dell'isola è coperto da distese di erbe crittogame, come muschi, licheni, epatiche e altre erbe senza fiori. Carici, cespugli nani e torbiere coprono invece il territorio per il 2-40%. Spesso tutte queste piante crescono su un suolo a grana grossolana con sedimenti calcarei.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1690 Stolbovoj fu visitata dal figlio del nobile Maksim Muchoplëv. Tuttavia, egli non fu il primo a raggiungere l'isola. Muchoplëv

« vi trovò molte croci, segno evidente che era già stata esplorata molto tempo prima dei marinai russi del 1690. All'inizio l'isola fu chiamata "Крестовый"[4] e appare nei disegni di S. Remezov del 1698. »
(V. I. Magidovič e I. P. Magidovič, Saggi sulla storia delle scoperte[5])

.

Stolbovoj è stata riesplorata nell'anno 1800 dal navigatore russo Jakov Sannikov.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dic.academic.ru.
  2. ^ a b c d Dati approssimativi, calcolati utilizzando Google Earth.
  3. ^ a b Stolbovoj su UNEP. URL consultato il 20 febbraio 2012.
  4. ^ (Krestovyj, ovvero "isola delle Croci")
  5. ^ Магидович В. И., Магидович И. П. Очерки по истории географических открытий. т. 3. М., 1984. С. 215

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]