Isola Farnese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Z. LV Isola Farnese
Il borgo di Isola Farnese
Il borgo di Isola Farnese
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia o Città metropolitana Roma Roma
Città Roma-Stemma.png Roma Capitale
Circoscrizione Municipio Roma XV
Data istituzione 13 settembre 1961[1]
Codice 455
Superficie 14,0279 km²
Abitanti 3 861 ab.[2] (2013)
Densità 275,24 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Isola Farnese è la cinquantacinquesima zona di Roma nell'Agro Romano, indicata con Z. LV.

Il toponimo indica anche una frazione di Roma Capitale che sorge al km 17.8 di via Cassia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area nord di Roma, a ridosso del confine con il comune di Formello.

La zona confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Borgo medievale

Già dalla fine del X secolo si hanno notizie del castello come appartenente al territorio di Veio.

Il borgo, di proprietà della famiglia Orsini, sorge in posizione isolata, fra la valle della Storta e la valle di San Sebastiano, su una rupe tufacea. Questa conformazione gli valse il nome di Insula.
Nel 1567, il cardinale Alessandro Farnese acquistò il borgo dagli Orsini, e lo inserì ne ducato di Castro assegnandogli l'appellativo familiare di Farnese.

Ha preso il nome attuale nei primi anni dell'Ottocento.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Castello Farnese

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Pancrazio

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio di Isola Farnese si estende parte della zona urbanistica 20I Santa Cornelia.

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Del territorio di Isola Farnese fa parte la frazione omonima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe. Suddivisioni Territoriali Toponomastiche - 2013.
  3. ^ Separata dal fosso Pantanacci, dal punto 42°01′27.26″N 12°25′46.23″E / 42.02424°N 12.429507°E42.02424; 12.429507 alla confluenza col torrente Valchetta 42°00′01.22″N 12°26′57.76″E / 42.000338°N 12.449377°E42.000338; 12.449377.
  4. ^ Separata dal torrente Valchetta, dalla confluenza col fosso Pantanacci fino alla confluenza col fosso Piordo 42°00′32.63″N 12°24′42.72″E / 42.009065°N 12.411868°E42.009065; 12.411868.
  5. ^ Separata a via Prato della Corte, a partire, in linea d'aria dalla confluenza del fosso Piordo con il torrente Valchetta fino via dell'Isola Farnese, da questa fino a via Cassia, quindi da questa verso nord fino alla rotonda con via Cassia Veientana.
  6. ^ Marina De Franceschini, cap. 2. Villa di Campetti a Veio, pp. 4-9.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marina De Franceschini, Ville dell'Agro romano, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2005, ISBN 978-88-8265-311-8.
  • Paolo Brocato, La tomba delle anatre di Veio, Cosenza, Università della Calabria - Dip. Archeologia e Storia Arti, 2012, ISBN 978-88-903625-8-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 42°01′10.62″N 12°23′33.59″E / 42.019617°N 12.392664°E42.019617; 12.392664

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma