Isola Alessandro I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isola Alessandro
Alexander Island
Alexander-Island.jpg
Geografia fisica
Localizzazione mare di Bellingshausen
Coordinate 71°00′S 70°00′W / 71°S 70°W-71; -70Coordinate: 71°00′S 70°00′W / 71°S 70°W-71; -70
Superficie 49 070 km²
Altitudine massima Mount Stephenson 2987 m s.l.m.
Geografia politica
Sovranità Antartide Antartide
Amministrazione secondo il Trattato Antartico
Cartografia
Mappa di localizzazione: Antartide
Isola Alessandro

[senza fonte]

voci di isole antartiche presenti su Wikipedia

L'isola Alessandro I è la più grande isola dell'Antartide, con un'area di 49.070 km². È situata nel mare di Bellingshausen, ad ovest della penisola Antartica, dalla quale è separata dalla baia Margherita e dal canale Giorgio VI, ed è collegata alla costa antartica soltanto da una piattaforma di ghiaccio.

L'isola fu scoperta il 28 gennaio 1821 da una spedizione russa comandata da Fabian Gottlieb von Bellingshausen, che volle intitolarla in onore dello zar Alessandro I di Russia, ma venne erroneamente considerata parte integrante del continente antartico fino al dicembre 1940, quando una spedizione con le slitte dell'United States Antarctic Service (USAS), guidata da Finn Ronne, ne provò l'insularità. Negli anni cinquanta fu costruita una base operativa, amministrata dal Territorio antartico britannico e chiamata Fossil Bluff.

Attualmente l'isola viene impiegata come centro meteorologico e base di rifornimento carburante; la sua sovranità è contesa tra il Regno Unito, il Cile e l'Argentina.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]