Isn't She Lovely?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Isn't She Lovely)
Isn't She Lovely?
Artista Stevie Wonder
Autore/i Stevie Wonder
Genere Rhythm and blues
Edito da Motown
Esecuzioni notevoli Stevie Wonder
Pubblicazione
Incisione Songs in the Key of Life
Data 1976
Durata 6 min: 34 sec
Songs in the Key of Life – tracce
Precedente
Ordinary Pain
(1976)
Successiva
Joy Inside My Tears
(1976)

Isn't She Lovely? è una canzone scritta, ed originariamente interpretata da Stevie Wonder, per il suo album del 1976 Songs in the Key of Life. Nel brano Wonder celebra la nascita di sua figlia Aisha. La canzone inizia con un campionamento del pianto della bambina.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

La canzone, musicalmente costruita su un circolo delle quinte standard, è considerato un esempio di contaminazione di elementi jazz ed elementi pop. Benché il brano ebbe notevole popolarità, ed è tutt'oggi considerato uno dei più importanti della discografia di Stevie Wonder, esso non fu mai pubblicato su singolo e quindi non poté mai entrare in alcuna classifica.

Cover[modifica | modifica sorgente]

In seguito numerosi altri artisti hanno interpretato una cover di Isn't She Lovely?. Una versione registrata da David Parton entrò nella top ten britannica nel 1977. La canzone fu anche oggetto di cover da parte del gruppo punk rock Me First and the Gimme Gimmes nell'album Take a Break. Il brano fu interpretato in una versione a cappella dal gruppo The Idea of North per l'album Evidence. Il sassofonista Sonny Rollins incluse una cover strumentale del brano nell'album del 1977 Easy Living.[1] Frank Sinatra registrò una sua versione nel 1979, mentre l'artista jazz Lee Ritenour la registrò nel 1977 per l'album Captain Fingers. Nel 2010 Harry Styles,cantante degli One Direction,cantò una versione a cappella all'audizione per X Factor UK.

Il cantante, nonché maknae, dei Super Junior Kyuhyun l'ha cantata come assolo durante il Super Show 4 facendo emozionare moltissime ELF.

Una versione strumentale del brano è stata suonata dopo il discorso di Michelle Obama alla convention nazionale dei democratici nel 2008.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ allmusic Overview, retrieved 11 novembre 2007
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica