Ischi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Ischi (o Ischys o Chilo) Ισχυς era il figlio di Elato e Hippea.

Nel mito[modifica | modifica wikitesto]

Coronide figlia di Flegia era una delle amanti di Apollo, un giorno lui andò a Delfi lasciando l'amata in compagnia di un corvo bianco.

La ragazza da molto tempo aveva una grande amore per Ischi e lo accolse nel suo letto, anche se era già incinta del dio. Il corvo pensando di fare cosa gradita partì subito per avvertire il suo padrone, ma lui sapeva già tutto grazie ai suoi poteri divinatori e maledì il corvo perché non aveva accecato Ischi quando poteva.

Per questo motivo le penne del corvo divennero nere e dello stesso colore fu il manto dei suoi discendenti

La morte dei due amanti[modifica | modifica wikitesto]

Ischi morì secondo alcuni per le saette di Zeus, secondo altri per le freccia di Apollo. Coronide invece fu uccisa dalla frecce di Artemide, sorella di Apollo, a cui il dio aveva chiesto tale favore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca