Isabella d'Aviz (1503-1539)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isabella d'Aviz
Tizian 057.jpg
Imperatrice del Sacro Romano Impero
Successore Maria Tudor
Altri titoli Regina di Spagna
Nascita Lisbona, Portogallo, 24 ottobre 1503
Morte Toledo, Spagna, 1º maggio 1539
Casa reale Aviz
Padre Manuele I del Portogallo
Madre Maria d'Aragona e Castiglia
Consorte Carlo V d'Asburgo
Figli Filippo II di Spagna
Maria di Spagna
Ferdinando
Giovanna di Spagna
Giovanni

Isabella d'Aviz (Lisbona, 24 ottobre 1503Toledo, 1º maggio 1539) Come moglie di Carlo V fu imperatrice del Sacro Romano Impero e sovrana consorte degli altri suoi vasti domini. Isabella era la seconda figlia di Manuele I di Aviz re del Portogallo e dell'Algarve e di Maria d'Aragona e Castiglia. I suoi nonni materni erano Ferdinando d’Aragona e Isabella di Castiglia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Isabella era la secondogenita e figlia maggiore di re Manuele I del Portogallo e della sua seconda moglie, Infanta Maria di Castiglia e Aragona. È stata chiamata in onore della nonna materna, Isabella I di Castiglia, e della zia Isabella, principessa delle Asturie , che era stata la prima coniuge del padre.

Nel 1521 Manuele I muore e gli succede il figlio Giovanni III il Pio. I negoziati tra i due regni della penisola iberica ha determinato un duplice unione ispano-portoghese. Nel 1522 è stato concordato il matrimonio tra Giovanni III e Caterina d'Austria, sorella di Carlo I.

Isabella è stata considerata una delle donne più belle del suo tempo, è come tale è stato interpretato da artisti come Tiziano o di Leone Leoni.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1526 fu data in sposa a suo cugino Carlo V (15001558). Le nozze furono celebrate l'11 marzo a Siviglia. Prima di consumare il talamo nuziale, la coppia era solita, fin dalla prima volta, assistere a una messa. Profondamente religiosa, paziente, fedele e intelligente, Isabella era oggetto di adorazione da parte del marito, sebbene egli avesse numerose amanti e altrettanti figli illegittimi. Il matrimonio quindi, sebbene nascesse da esigenze prettamente politiche, fu molto felice. L'imperatore inoltre, essendo costretto a lunghi periodi di assenza dalla Spagna per provvedere al governo degli altri suoi vasti possedimenti, soleva lasciare le redini del governo del regno alla moglie. Isabella viveva aspettando il ritorno di Carlo, svolgendo gli incarichi di governo con dedizione e dando alla luce i figli.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alle complicazioni derivanti dall'ultimo parto, Isabella non riuscì a riprendersi e morì dieci giorni dopo. La sua morte gettò Carlo in uno stato di profondo dolore. Il re si ritirò nel monastero di Santa Maria de la Sisla e non si risposò mai più.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Isabella e Carlo ebbero cinque figli:

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Isabella d'Aviz Padre:
Manuele I del Portogallo
Nonno paterno:
Ferdinando d'Aviz
Bisnonno paterno:
Edoardo del Portogallo
Trisnonno paterno:
Giovanni I del Portogallo
Trisnonna paterna:
Filippa di Lancaster
Bisnonna paterna:
Eleonora d'Aragona
Trisnonno paterno:
Ferdinando I di Aragona
Trisnonna paterna:
Eleonora d'Alburquerque
Nonna paterna:
Beatrice d'Aviz
Bisnonno paterno:
Giovanni d'Aviz
Trisnonno paterno:
Giovanni I del Portogallo
Trisnonna paterna:
Filippa di Lancaster
Bisnonna paterna:
Isabella di Braganza
Trisnonno paterno:
Alfonso I di Braganza
Trisnonna paterna:
Beatriz Pereira de Alvim
Madre:
Maria d'Aragona e Castiglia
Nonno materno:
Ferdinando II di Aragona
Bisnonno materno:
Giovanni II di Aragona
Trisnonno materno:
Ferdinando I di Aragona
Trisnonna materna:
Eleonora d'Alburquerque
Bisnonna materna:
Giovanna Enriquez
Trisnonno materno:
Federico Enriquez
Trisnonna materna:
Mariana Fernández de Córdoba y Ayala
Nonna materna:
Isabella di Castiglia
Bisnonno materno:
Giovanni II di Castiglia
Trisnonno materno:
Enrico III di Castiglia
Trisnonna materna:
Caterina di Lancaster
Bisnonna materna:
Isabella d'Aviz (1428-1496)
Trisnonno materno:
Giovanni d'Aviz
Trisnonna materna:
Isabella di Braganza

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 262174343