Isabella Luisa di Braganza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Isabella Luisa
Isabella Luisa, principessa di Beira ritratta da Domenico Duprà.
Isabella Luisa, principessa di Beira ritratta da Domenico Duprà.
Principessa di Beira
Predecessore Caterina Enrichetta
Successore Maria Barbara
Nome completo portoghese: Isabel Luísa Josefa
Nascita Palazzo Ribeira, Lisbona, Regno del Portogallo, 6 gennaio 1669
Morte Palazzo di Palhavã, Lisbona, Regno del Portogallo, 22 ottobre 1690
Luogo di sepoltura Pantheon Reale del Casato di Braganza
Padre Pietro II del Portogallo
Madre Maria Francesca di Savoia-Nemours

Infanta Isabella Luisa del Portogallo (nome completo: Isabel Luísa Josefa; Lisbona, 6 gennaio 1668Lisbona, 21 ottobre 1690) era una infanta (principessa) portoghese e l'unica figlia femmina del Re Pietro II del Portogallo e della sua prima moglie ed ex cognata Maria Francesca di Savoia. In quanto tale fu designata Principessa di Beira. Fu erede presunta al trono portoghese tra il 1668 ed il 1689, l'anno in cui nacque il suo fratellastro Giovanni.[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dona Isabel Luísa era l'unica figlia di Pietro II del Portogallo e della sua moglie la principessa francese Maria Francesca. Nacque nel Palazzo Ribeira nel 1669.[2]

Prospettive matrimoniali[modifica | modifica wikitesto]

Fu progettato di farle sposare Vittorio Amedeo II di Savoia che era suo cugino di primo grado da parte di sua zia Maria Giovanna Battista di Savoia, Duchessa di Savoia e reggente per suo figlio. Il matrimonio fu osteggiato da gran parte della corte sabauda poiché significava che Vittorio Amedeo sarebbe partito per il Portogallo e sua madre sarebbe rimasta al potere (madre e figlio non avevano un buon rapporto). Così il progetto fu abbandonato.

Altri candidati proposti includono Gian Gastone de' Medici (futuro Granduca di Toscana), le Grand Dauphin figlio di Luigi XIV, Carlo II di Spagna, il Duca di Parma nonché un Conte Palatino di Neuburg.[3] Nessuno di questi progetti giunse a conclusione, per questo fu soprannominata Sempre-noiva, "sempre fidanzata".

Morte e sepoltura[modifica | modifica wikitesto]

Morì di vaiolo nel 1690 quando aveva appena 21 anni. Isabella Luisa è sepolta nel Monastero di São Vicente de Fora a Lisbona dopo esservi stata trasferita dal Convento delle Francesinhas.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Isabella Luisa, Principessa di Beira Padre:
Pietro II del Portogallo
Nonno paterno:
Giovanni IV del Portogallo
Bisnonno paterno:
Teodosio II, Duca di Braganza
Trisnonno paterno:
Giovanni I, Duca di Braganza
Trisnonna paterna:
Infanta Caterina di Guimarães
Bisnonna paterna:
Ana de Velasco y Girón
Trisnonno paterno:
Juan Fernández de Velasco, V Duca di Frias
Trisnonna paterna:
Maria Tellez-Giron
Nonna paterna:
Luisa di Guzmán
Bisnonno paterno:
Juan Manuel Pérez de Guzmán, VIII duca di Medina Sidonia
Trisnonno paterno:
Alonso Pérez de Guzmán, VII duca di Medina Sidonia
Trisnonna paterna:
Ana de Sylva y Mendoza
Bisnonna paterna:
Juana Gómez de Sandoval y la Cerda
Trisnonno paterno:
Francisco Gómez de Sandoval y Rojas, I Duca di Lerma
Trisnonna paterna:
Catalina de la Cerda
Madre:
Maria Francesca di Savoia
Nonno materno:
Carlo Amedeo di Savoia, Duca di Nemours
Bisnonno materno:
Enrico di Savoia, Duca di Nemours
Trisnonno materno:
Giacomo di Savoia, Duca di Nemours
Trisnonna materna:
Anna d'Este
Bisnonna materna:
Anna di Guisa
Trisnonno materno:
Carlo di Guisa, Duca d'Aumale
Trisnonna materna:
Maria d'Elbeuf
Nonna materna:
Elisabetta di Borbone
Bisnonno materno:
Cesare di Borbone, Duca di Vendôme
Trisnonno materno:
Enrico IV di Francia
Trisnonna materna:
Gabrielle d'Estrées
Bisnonna materna:
Francesca di Lorena
Trisnonno materno:
Filippo Emanuele di Lorena, Duca di Mercoeur
Trisnonna materna:
Maria di Lussemburgo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ HEIRESSES TO THRONES, www.guide2womenleaders.com. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  2. ^ Famous People Buried in Lisbon, www.ranker.com. URL consultato il 1º ottobre 2012.
  3. ^ Death of Isabel Luísa, Pss of Beira, www.unofficialroyalty.com. URL consultato il 1º ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]