Irresponsabilità regia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'irresponsabilità regia (in lingua inglese Sovereign immunity) detta anche immunità sovrana oppure immunità della corona è il principio riconosciuto nel diritto costituzionale di pressoché tutti gli stati a regime monarchico costituzionale e per estensione accordato in molti stati repubblicani. Il concetto è spesso espresso anche con il termine immunità sovrana anche se i due concetti non sono esattamente sovrapponibili. l'immunità si riferisce all'impossibilità di incriminare davanti ad una Corte il sovrano, l'irresponsabilità era espressa soprattutto dall'espressione il re regna, ma non governa attribuita ad Adolphe Thiers.

La formazione del concetto[modifica | modifica wikitesto]

L'assenza di responsabilità del sovrano, nata con le monarchie costituzionali (nota sotto la formula: The King can do no wrong ), gli consente di poter adempiere alle sue funzioni di garante delle istituzioni stando al di sopra delle parti. Il nuovo mondo nato dalla Rivoluzione francese non poteva ammettere che un potere non sia soggetto a responsabilità. Fu perciò escogitato l'istituto della controfirma del ministro che evita che si crei una situazione in cui il ministro che partecipa firmando all'atto e che potrebbe essere chiamato a risponderne davanti al Parlamento o davanti ai giudici se l'atto costituisce un illecito.

La controfirma assume diversi significati a secondo che l'atto regio del presidente della Repubblica sia sostanzialmente regio o presidenziale (ovvero derivi dai "poteri propri" del re o del presidente e non necessitano della "proposta" di un ministro) oppure sostanzialmente governativi (come si verifica nella maggior parte dei casi). Nel primo caso la firma del ministro accerta la regolarità formale della decisione del capo dello Stato e quella del presidente ha valore decisionale, nel secondo quella del presidente accerta la legittimità dell'atto e quella del ministro ha valore decisionale.[1]

Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

Papa Gelasio I si espresse sui principi generali che sottendono l'immunità sovrana: Ci sono due poteri, imperatore Augusto, con la quale questo mondo è governato principalmente, vale a dire, l'autorità sacra dei sacerdoti e il potere regio. Di questi quello dei sacerdoti è il più pesante, in quanto devono rendere conto, anche per i re degli uomini nel giudizio divino. Sapete anche, caro figlio, che mentre si è onorevolmente permesso di dominare il genere umano, ma nelle cose divine vi chinate la testa umilmente davanti al capo del clero e attendono dalle loro mani i mezzi per la vostra salvezza. Nella ricezione e corretta disposizione dei misteri celesti si riconosce che si dovrebbe essere subordinato piuttosto che superiore alla ordine religioso, e che in queste cose si dipende dalle loro giudizio, piuttosto che desiderio di costringerli a seguire la tua volontà [2][3]

Monarchie costituzionali[modifica | modifica wikitesto]

In una monarchia costituzionale il sovrano è l'origine storica della autorità che crea i tribunali.

Così i giudici non avevano il potere di costringere il sovrano di essere vincolato da quegli stessi giudici, che sono stati creati dal sovrano per la protezione dei suoi sudditi.

Belgio[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo 88 della Costituzione del Belgio afferma: La persona del Re è inviolabile , i suoi ministri sono responsabili.[4]

Danimarca[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo 13 della Costituzione della Danimarca afferma: Il re non è responsabile delle sue azioni, la sua persona è sacra. I ministri sono responsabili per la condotta del governo, la loro responsabilità devono essere definiti con legge.[5] Di conseguenza, il monarca non può essere citato in tale sua veste, ma l'immunità da azioni legali non si estende allo Stato in quanto tale.

Regno d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo 125 del Codice Penale datato 30 giugno 1889 prevedeva: Chiunque pubblicamente fa risalire a Sua Maestà il Re il biasimo o la responsabilità degli atti del suo Governo è punito con la detenzione sino ad un anno e con la multa da lire cinquanta a mille'.

Malesia[modifica | modifica wikitesto]

In Malesia , un emendamento alla Costituzione nel 1993 ha permesso di proporre un ricorso contro il re o governante di uno stato componente da parte del Tribunale speciale. Prima del 1993, i governanti, a titolo personale, erano immuni da qualsiasi procedimento avviato nei loro confronti.[6]

Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo 5 della Costituzione della Norvegia afferma: La persona del Re è sacra, non può essere censurato o accusato. La responsabilità è del suo Consiglio. [7] Di conseguenza, il monarca non può essere perseguito o davanti o la sua personale capacità di suo, ma l'immunità non si estende allo Stato in quanto tale.

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Il monarca spagnolo è personalmente immune da procedimenti penali per fatti commessi da ministri del governo in nome del Re, ai sensi del Titolo II, punto 56, comma 3 della Costituzione spagnola del 1978 .[8][9]

La persona del re di Spagna è inviolabile e non deve essere ritenuta responsabile. I suoi atti saranno sempre controfirmati nei modi stabiliti nel paragrafo 64. Senza detta controfirma, non sono validi, salvo quanto disposto ai sensi della sezione 65 (2).[ 6 ] [ 7 ]

[10].[ 6 ] [ 7 ]

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

L'articolo 7, capitolo 5, della costituzione svedese afferma: "Il re non può essere perseguito per le sue azioni di capo dello Stato. Né può un reggente essere perseguito per le sue azioni come capo ". Questo riguarda solo il Re come persona privata, dal momento che egli non nomina il governo, né a qualsiasi funzionario pubblico atto a suo nome. Essa non riguarda gli altri membri della famiglia reale, tranne che in casi come essi esercitano l'ufficio di Regente quando il re non è in grado di adempiere alle sue funzioni. E 'una questione controversa tra giuristi costituzionali svedese si l'articolo implica anche che il re è immune contro le cause legali in cause civili, che non comportano azione penale.

Santa Sede[modifica | modifica wikitesto]

La Santa Sede,[11] di cui il papa regnante è il capo (spesso definito erroneamente come il Vaticano o Città del Vaticano che è una entità distinta) attribuisce una immunità sovrana che assorbe l'irresponsabilità regia per il Papa, sostenuta da numerosi accordi internazionali.[12] .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questioni in dottrina nascono in merito alla distinzione tra atti sostanzialmente presidenziali e atti formalmente presidenziali, vedi in Italia la questione dell'istituto della grazia, con differente valutazione tra il presidente Ciampi e il guardasigilli Castelli
  2. ^ Duo sunt
  3. ^ Gałkowski Il "quid ius" nella realtà umana e nella Chiesa, Volume 269
  4. ^ title=The Belgian Constitution|author=Legal Department of the House of Representatives, with the collaboration of Mr A. MacLean accesso 31 maggio 2009
  5. ^ Unofficial translation of the Constitutional Act of Denmark
  6. ^ Lawyerment - Document Library - Laws of Malaysia
  7. ^ The Constitution of Norway in English
  8. ^ Título II. De la Corona, Wikisource in lingua spagnola
  9. ^ The Royal Household of H.M. The King website
  10. ^ La persona del Rey de España y es inviolabile no está sujeta uno responsabilidad. Sus Actos estarán refrendados siempre en la forma establecida en el artículo 64, careciendo de validez peccato refrendo dicho, Salvo Lo dispuesto en el artículo 65,2
  11. ^ I costituzionalisti considerano la Santa Sede come un caso a sé, distinto dalla monarchie costituzionali
  12. ^ Vedi Papa # posizione internazionale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Montanelli Introduzione ad alcuni appunti storici sulla rivoluzione d'Italia 1858

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Diritto