Irréversible

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Irréversible
Irréversible..png
Una scena del film.
Titolo originale Irréversible
Lingua originale francese, spagnolo, italiano, inglese
Paese di produzione Francia
Anno 2002
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Gaspar Noé
Soggetto Gaspar Noé
Sceneggiatura Gaspar Noé
Produttore Brahim Chioua, Vincent Cassel
Fotografia Benoît Debie, Gaspar Noé
Montaggio Gaspar Noé
Musiche Thomas Bangalter
Interpreti e personaggi
Premi

Irréversible è un film del 2002 scritto e diretto da Gaspar Noé, interpretato da Vincent Cassel e Monica Bellucci.

Il tema principale del film è il piacere. Giudicato da parte della critica come uno dei film più controversi del 2002, principalmente a causa delle rappresentazioni esplicite di violenza sessuale e omicidio, è stato paragonato a pellicole come Memento, Peppermint Candy e Betrayal per la tecnica di cronologia inversa utilizzata.

È stato presentato in concorso al 55º Festival di Cannes[1] ed ha vinto il "Cavallo di Bronzo" allo Stockholm Film Festival.

La colonna sonora è di Thomas Bangalter, musicista francese noto per essere uno dei componenti del duo Daft Punk e del trio Stardust.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film inizia con un dialogo-prologo tra due personaggi esterni alla trama, Uno dei loro è completamente nudo, e rammenta di essere stato in carcere per aver violentato la figlia; l'altro lo consola, dicendogli che non deve mai smettere di provare il piacere. Dopodiché viene proposta l'ultima scena del film in ordine cronologico: i due protagonisti che vengono condotti fuori da un locale gay, il Rectum, uno in barella e uno in manette.

Da questo momento il film procede a ritroso ripercorrendo scena per scena gli antefatti che condurranno a tale esito. Marcus (Vincent Cassel) e Alex (Monica Bellucci) devono recarsi ad una festa insieme a Pierre (Albert Dupontel), amico di Marcus ed ex fidanzato di Alex. Dopo il viaggio in metro, sede di una viva conversazione di argomento sessuale, i tre si ritrovano alla festa ma Marcus dopo due ore è già strafatto e si comporta da matto infastidendo, con il suo comportamento, prima Pierre, che cerca inutilmente di farlo ragionare, poi Alex, che infine, stancatasi, decide di tornarsene a casa da sola. Mentre attraversa il sottopassaggio che l'avrebbe condotta dai taxi viene stuprata e massacrata di botte. Marcus e Pierre, una volta fuori, scoprono l'accaduto vedendo Alex tumefatta mentre viene trasportata in barella su di un'ambulanza. Sconvolto e accecato dalla rabbia Marcus trascina l'amico Pierre nella disperata ricerca del colpevole per vendicarsene personalmente. Dopo una frenetica ricerca giungono in un postribolo gay dove dovrebbe essere il presunto stupratore. L'epilogo, che in realtà corrisponde alla seconda scena del film, è sanguinoso e vede consumarsi una vendetta a colpi di estintore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Official Selection 2002, festival-cannes.fr. URL consultato il 7 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema