Irene d'Assia-Darmstadt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principessa Irene d'Assia d'Assia e del Reno
Irene d'Assia d'Assia e del Reno, ritratta in giovane età
Irene d'Assia d'Assia e del Reno, ritratta in giovane età
Principessa di Prussia
Nascita Darmstadt, Granducato d'Assia, 11 luglio 1866
Morte Hemmelmark, Germania Ovest, 11 novembre 1953
Padre Luigi IV, Granduca d'Assia
Madre Principessa Alice del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda
Consorte Principe Enrico di Prussia
Figli Principe Valdemaro di Prussia
Principe Sigismondo di Prussia
Principe Enrico di Prussia

Principessa Irene d'Assia d'Assia e del Reno (nome completo in tedesco: Prinzessin Irene Luise Maria Anna von Hessen und bei Rhein; Darmstadt, 11 luglio 1866Hemmelmark, 11 novembre 1953) fu una principessa del Granducato d'Assia e del Reno.

Era figlia di Luigi IV d'Assia, Granduca d'Assia e del Reno dal 1877 al 1892, e della Principessa Alice del Regno Unito. Sua sorella era la zarina Aleksandra, moglie dell'ultimo zar Nicola II Romanov. I suoi nonni materni erano la regina Vittoria del Regno Unito ed il principe Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Come la sorella Alix, Irene era una portatrice sana del gene dell'emofilia. Due dei suoi tre figli furono infatti emofiliaci.

Venne data in sposa al cugino, principe Enrico di Prussia. Il matrimonio venne celebrato a Charlottenburg il 24 maggio 1888[1].

La sorella più giovane, Alix, divenne la zarina Aleksandra Fëdorovna sposando il loro secondo cugino (per via paterna), lo zar Nicola II di Russia. Il fratello più giovane, Ernie, divenne granduca d'Assia e del Reno. La sorella maggiore Vittoria sposò il primo cugino del padre, principe Luigi di Battenberg (in seguito marchese e marchesa di Milford Haven). Un'altra sorella, Elisabetta (più tardi canonizzata dalla Chiesa Ortodossa Russa come sant'Elisabetta martire) sposò il primo cugino del padre, granduca Sergej Aleksandrovič di Russia.

Infanzia[modifica | modifica sorgente]

Venne chiamata Irene, nome tratto dalla parola greca che significa "pace", perché nacque alla fine della guerra austro-prussiana.[2] Alice considerava Irene una bambina poco attraente ed una volta scrisse alla sorella Vittoria che Irene «non era bella».[3] Benché non fosse bella come la sorella Elisabetta, Irene aveva comunque un carattere piacevole. La principessa Alice allevò le proprie figlie semplicemente; una tata inglese presidiava la nursery ed i figli mangiavano pasti poveri a base di budini di riso e mele arrostite, e indossavano vestiti semplici. Alle figlie insegnò inoltre come svolgere le faccende di casa, come ad esempio cucinare torte, rifarsi i letti, accendere il fuoco, spazzare e spolverare le proprie stanze. La principessa Alice enfatizzava anche la necessità di donare ai poveri e spesso portava con sé le figlie nelle sue visite agli ospedali ed associazioni di beneficenza.[4]

La sua famiglia venne colpita pesantemente nel 1873 quando il fratello emofiliaco di Irene, Federico, soprannominato Frittie, cadde da una finestra aperta rompendosi la testa su una balaustra e morendo alcune ore dopo di emorragia cerebrale.[5]

Nei mesi seguenti alla morte del bambino, Alice accompagnava frequentemente i suoi figli alla tomba del piccolo per pregare ed era spesso malinconica agli anniversari che lo riguardavano.[6] Nell'autunno 1878 Irene, i suoi fratelli e sorelle (esclusa Elisabetta) ed il padre si ammalarono di difterite; la sorellina più giovane, principessa Maria, solitamente chiamata May, ne morì. La madre, esausta per aver accudito i figli, contrasse anch'essa la malattia. Sapendo di essere in pericolo di vita, la principessa Alice dettò il testamento, includendovi anche delle istruzioni su come allevare e crescere le figlie e gestire la famiglia. Morì di difterite il 14 dicembre 1878.[7]

Dopo la morte di Alice, la regina Vittoria decise di fare da madre ai suoi nipoti d'Assia. La principessa Irene ed i suoi fratelli e sorelle sopravvissuti passavano vacanze annuali in Inghilterra e la loro nonna inviava spesso istruzioni alle loro istitutrici circa la loro educazione e per approvare i modelli dei loro vestiti.[8]

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Il 24 maggio 1888, Irene sposò il principe Alberto Guglielmo Enrico di Prussia, il terzo figlio (secondo maschio) dell'imperatore tedesco Federico III e dell'imperatrice Vittoria. Visto che le loro madri erano sorelle, Irene ed Enrico erano primi cugini.[9] Il loro matrimonio non piacque alla regina Vittoria in quanto lei non era stata informata del corteggiamento fino a quando essi non decisero di sposarsi.[10] La madre di Enrico, Vittoria, l'imperatrice Federico, era invece molto affezionata ad Irene. Comunque, l'imperatrice Federico rimase scioccata dal fatto che Irene non indossava né uno scialle né una sciarpa per mascherare la sua gravidanza quando restò incinta del primo figlio, l'emofiliaco principe Waldemar, nel 1889. L'imperatrice Federico, che era affascinata dalla politica e dagli avvenimenti del momento, non poteva nemmeno capire come facessero Enrico ed Irene a non leggere mai un giornale.[11] In ogni caso, la coppia si sposò felicemente e presto vennero indicati dai loro parenti con l'appellativo di "I molto amabili" per via della loro natura piacevole.

Figli[modifica | modifica sorgente]

Irene diede al marito tre figli[12]:

Relazioni famigliari[modifica | modifica sorgente]

Irene con le sorelle. Da sinistra: Alix, Vittoria, Ella, Irene

Irene trasmise il gene dell'emofilia al figlio maggiore ed a quello minore, Waldemar ed Enrico. La salute di Waldemar la preoccupò fin dall'infanzia.[13] Irene soffrì molto quando il figlio più piccolo, Enrico, di solo quattro anni, morì dopo essere caduto ed aver urtato la testa nel febbraio 1904.[14] Sei mesi dopo la morte di Enrico, la sorella Alix diede alla luce un figlio emofiliaco, lo zarevic Alessio Nikolaevich di Russia. La sua prima cugina, regina Vittoria Eugenia di Spagna, ebbe anch'essa due figli emofiliaci.

Irene, allevata secondo un codice di comportamento prettamente vittoriano, si stupì di quello che vedeva e riteneva immorale.[15] Quando la sorella Elisabetta lasciò la religione luterana tedesca, secondo cui erano state entrambe cresciute, per convertirsi alla fede russa ortodossa nel 1891, Irene rimase profondamente turbata. Scrisse al padre che «pianse terribilmente» per la decisione di Elisabetta.[16] In seguito anche un'altra sorella, Alix, si convertì alla religione russa ortodossa quando sposò Nicola II di Russia. Nonostante il suo disaccordo circa le loro scelte religiose, Irene rimase sempre in stretto contatto con le sue sorelle. Nel 1907, Irene combinò quello che col tempo si rivelò essere un matrimonio disastroso, tra la protetta di Elisabetta, la granduchessa Maria Pavlovna di Russia, e il principe Guglielmo, duca di Södermanland;[17] la madre di Guglielmo, la Regina di Svezia, era un'amica di lunga data sia di Irene che di Elisabetta.[17] La granduchessa Maria in seguito scrisse che Irene le fece molte pressioni circa il matrimonio quando invece lei aveva molti dubbi; le disse che interrompere il fidanzamento avrebbe «ucciso» Elisabetta.[18] Nel 1912, Irene fu di grande conforto per sua sorella Alix quando Alessio fu quasi sul punto di morire per una complicazione legata all'emofilia nel casino di caccia della famiglia imperiale in Polonia.[19]

Vita matura[modifica | modifica sorgente]

La principessa Irene ed il principe Enrico

I legami di Irene con le sorelle vennero distrutti dall'avvento della Prima guerra mondiale, che le pose in fazioni opposte del conflitto. Quando la guerrà finì, ricevette la notizia che Alix, suo marito ed i figli e la sorella Elisabetta erano stati uccisi dai bolscevichi.

Dopo la guerra e l'abdicazione del Kaiser, la Germania non era più governata dalla famiglia reale prussiana, ma Irene ed il marito conservarono la loro tenuta di Hemmelmark nella Germania settentrionale.

Quando Anna Anderson comparve a Berlino nel 1921, pretendendo di essere la sopravvissuta granduchessa Anastasia Nikolaevna di Russia, Irene visitò la donna, ma constatò che la Anderson non poteva essere la nipote che aveva visto per l'ultima volta nel 1913.[20] La principessa Irene non ne fu impressionata.

« Vidi immediatamente che lei non poteva essere una delle mie nipoti. Anche se erano nove anni che non le vedevo, i tratti essenziali del viso non potevano essere cambiati fino a quel punto, in particolare la posizione degli occhi, le orecchie, ecc. [...] A prima visto qualcuno potrebbe forse aver riconosciuto una somiglianza con la granduchessa Tatiana.[21] »

La granduchessa Ol'ga Aleksandrovna commentò la visita della principessa Irene:

« Fu un incontro insoddisfacente, ma i sostenitori della donna dissero che la principessa Irene non conosceva bene sua nipote ed altre cose.[22] »

Il marito di Irene, Enrico, disse che il solo nominare la Anderson innervosiva molto la moglie ed ordinò che nessuno ne discutesse in sua presenza. Enrico morì nel 1929. Molti anni dopo, il figlio di Irene, Sigismund, pose delle domande alla Anderson attraverso un intermediario circa la loro infanzia condivisa e dichiarò che le sue risposte erano tutte accurate.[23] Irene successivamente adottò la figlia di Sigismund, Barbara, nata nel 1920, come sua erede dopo che egli lasciò la Germania per vivere in Costa Rica negli anni 1930. Sigismund rifiutò di tornare a vivere in Germania dopo la Seconda guerra mondiale.[24] Irene sofferse moltissimo quando il suo figlio emofiliaco più grande, Waldemar, si ammalò nel 1945 e morì a causa della mancanza di sangue per effettuare una trasfusione. Irene stessa morì nel 1953, lasciando la sua tenuta alla nipote.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Dama di I Classe dell'Ordine di Luisa - nastrino per uniforme ordinaria Dama di I Classe dell'Ordine di Luisa
Dama di II Classe dell'Ordine Reale di Vittoria ed Alberto - nastrino per uniforme ordinaria Dama di II Classe dell'Ordine Reale di Vittoria ed Alberto

Antenati[modifica | modifica sorgente]

Irene d'Assia-Darmstadt Padre:
Luigi IV d'Assia
Nonno paterno:
Carlo d'Assia
Bisnonno paterno:
Luigi II d'Assia
Trisnonno paterno:
Luigi I d'Assia
Trisnonna paterna:
Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Guglielmina di Baden
Trisnonno paterno:
Carlo Luigi di Baden
Trisnonna paterna:
Amelia Frederica di Assia-Darmstadt
Nonna paterna:
Elisabetta di Prussia
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo Carlo di Prussia
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo II di Prussia
Trisnonna paterna:
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Maria Anna d'Assia-Homburg
Trisnonno paterno:
Federico V d'Assia-Homburg
Trisnonna paterna:
Carolina d'Assia-Darmstadt
Madre:
Alice di Sassonia-Coburgo-Gotha
Nonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno materno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna materna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Bisnonna materna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonno materno:
Augusto di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonna materna:
Luisa Carlotta di Meclemburgo-Schwerin
Nonna materna:
Vittoria del Regno Unito
Bisnonno materno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonno materno:
Giorgio III del Regno Unito
Trisnonna materna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno materno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna materna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Brabant 14
  2. ^ Mager (1998), p. 27
  3. ^ Pakula (1995), p. 322
  4. ^ Mager (1998), pp. 28-29
  5. ^ Mager (1998), p. 45
  6. ^ Mager (1998), pp. 45-46
  7. ^ Mager (1998), p. 56
  8. ^ Mager (1998), p. 57
  9. ^ Mager (1998), p. 111
  10. ^ Queen Victoria (1975)
  11. ^ Pakula (1995), p. 513
  12. ^ Hohenzollern 6
  13. ^ Pakula (1995), p. 537
  14. ^ Maylunas and Mironenko (1997), pp. 239-240
  15. ^ Massie (1995), p. 165
  16. ^ Mager (1998), p. 135
  17. ^ a b Mager (1998), p. 228
  18. ^ Grand Duchess Marie (1930)
  19. ^ Maylunas and Mironenko (1997), p. 355
  20. ^ Kurth (1983), p. 51
  21. ^ soc.world-journal.net
  22. ^ Vorres, I., The Last Grand Duchess p.175
  23. ^ Kurth (1983), p. 272
  24. ^ Kurth (1983), p. 428

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Kurth, Peter (1983). Anastasia: The Riddle of Anna Anderson. Little, Brown, and Company. ISBN 0-316-50717-2.
  • Grand Duchess Marie (1930). Education of a Princess: A Memoir. Viking Press.
  • Mager, Hugo (1998). Elizabeth: Grand Duchess of Russia. Carroll and Graf Publishers, Inc. ISBN 0-7867-0678-3
  • Massie, Robert K. (1995). The Romanovs: The Final Chapter. Random House. ISBN 0-394-58048-6
  • Mironenko, Sergei, and Maylunas, Andrei (1997). A Lifelong Passion: Nicholas and Alexandra: Their Own Story. Doubleday. ISBN 0-385-48673-1.
  • Pakula, Hannah (1995). An Uncommon Woman: The Empress Frederick: Daughter of Queen Victoria, Wife of the Crown Prince of Prussia, Mother of Kaiser Wilhelm. Simon and Schuster. ISBN 0-684-84216-5.
  • Queen Victoria (1975). Advice to my granddaughter: Letters from Queen Victoria to Princess Victoria of Hesse. Simon and Schuster. ISBN 0-671-22242-2
  • Vorres, I, The Last Grand Duchess: Her Imperial Highness Grand Duchess Olga Alexandrovna, Charles Scribners and Sons, New York, 1964.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie