Ippodamia (Piritoo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un centauro cerca di portare via Ippodamia (sul vaso chiamata Laodamia), mentre Piritoo e Teseo resistono per difenderla. Dettaglio da un cratere apulo a figure rosse, ca. 350-240 a.C., Londra, British Museum.

Ippodamia è un personaggio della mitologia greca figlia di Bute[1] o di Adrasto[2], re di Argo, e di Demonassa.

Era sorella di uno degli epigoni, Egialeo, ed andò in sposa a Piritoo, figlio di Issione re dei Lapiti. In occasione del suo matrimonio i Centauri, che erano tra gli invitati, finirono in preda all'alcool e infransero le regole della xenia, l'ospitalità presso il mondo greco. Ebbri, cercarono di rapire la sposa e di molestare le donne dei Lapiti, scatenando la violenta reazione di quest'ultimi, coadiuvati da Teseo, anch'egli tra gli invitati. La rissa degenerò in una guerra fra il popolo dei Lapiti e quello dei Centauri, un evento che va sotto il nome di Centauromachia. I Centauri furono sconfitti grazie all'aiuto determinante che Teseo prestò a Piritoo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Diodoro Siculo IV, 70
  2. ^ Pseudo-Igino, Fabulae 33

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]