Ioduro d'argento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ioduro d'argento
aspetto
Silver-iodide-3D-balls.png
Nome IUPAC
Ioduro d'argento
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare AgI
Peso formula (u) 234.77
Aspetto solido giallo cristallino
Numero CAS [7783-96-2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 5,675
Solubilità in acqua 3 x 10-7g/100mL (20 °C)
Temperatura di fusione 804 °C (558 K)
Temperatura di ebollizione 1506 (1461 °C)
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) -62.4 kJ/mol
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
pericoloso per l'ambiente

attenzione

Frasi H 410
Consigli P 273 - 391 - 501 [1][2]

Lo ioduro d'argento (AgI) è un sale d'argento dell'acido iodidrico. È un composto giallo, fotosensibile, utilizzato in fotografia e nella pratica medica per le proprietà disinfettanti e nel cloud seeding per la produzione di nuvole artificiali.

È altamente insolubile in acqua.

La struttura cristallina adottata dallo ioduro d'argento cambia al variare della temperatura:

  • fino a 147 °C: lo ioduro esiste nella conformazione β che ha una struttura a wurtzite
  • sopra i 147 °C: lo ioduro d'argento subisce una transizione a struttura α
  • una forma metastabile: definita fase γ

Usi[modifica | modifica sorgente]

Lo ioduro d'argento ha trovato applicazione sin dalla fine degli anni '60 in meteorologia e agricoltura, attraverso l'uso nell'ambito della lotta antigrandine attraverso i razzi antigrandine, in quanto sostanza nucleante.

Il principio è semplice, lo ioduro d'argento fornendo ulteriori nuclei di condensazione per l'umidità o cristalli di ghiaccio, in aggiunta al naturale pulviscolo atmosferico, rende la dimensione delle gocce e dei chicchi di grandine più piccola.

In agricoltura i razzi antigrandine, come i cannoni ad onde d'urto "che usano potenti onde sonore per impedire la formazione dei chicchi di grandine", rientrano nella cosiddetta lotta antigrandine "attiva", la quale dà risultati molto spesso contrastanti da zona a zona, poiché molto dipende dall'efficienza del servizio meteorologico, nell'individuare le formazioni nuvolose grandinigene, e nella tempestività dell'informare le aziende. E'comunque una tecnica di prevenzione tuttora in uso, con diverse aziende impegnate nel settore [3].

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Scheda del composto su IFA-GESTIS consultata il 22.08.2014
  2. ^ Smaltire presso un impianto di trattamento dei rifiuti autorizzato
  3. ^ G. Menegon, F. Pivotti, G. Xiccato,Fondamenti di tecnologia agraria,”Fondamenti_di_tecnologia_Agraria”,Pisa,1999.ISBN 88-393-0017-1.