Investimento diretto all'estero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'investimento diretto all'estero (IDE) è una forma di internazionalizzazione delle imprese.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Si suole distinguere tra

  • impianto di un nuovo stabilimento in un paese straniero (nella forma greenfield se in un'area non precedentemente utilizzata, brownfield se frutto di riconversione)
  • acquisizione o fusione M&A di una azienda del paese estero

La prima forma porta, a fronte del flusso IDE, un aumento dello stock di capitale del paese fruitore dell'investimento. Lo stesso non può dirsi, almeno nella fase iniziale dell'acquisizione del contro, nel caso delle M&A. Per un'analisi degli effetti sullo stock di capitale di questa forma di IDE si dovrà attendere di vedere lo sviluppo della strategia che l'azienda investitrice intende percorrere e che può essere un rafforzamento della sua posizione nel paese o un ridimensionamento della capacità produttiva, soluzioni che, come è facile intuire, hanno effetti opposti sulla dotazione complessiva di risorse del paese ospitante.

Una ulteriore distinzione è tra IDE orizzontali (ossia in un medesimo settore merceologico) e verticali (se effettuati con integrazioni a monte o a valle)

Secondo il Fondo Monetario Internazionale e l'OCSE si ha un IDE quando l’investitore estero possiede almeno il 10% delle azioni ordinarie, effettuato con l’obiettivo di stabilire un interesse duraturo nel paese, una relazione a lungo termine e una significativa influenza nella gestione dell’impresa.

Si distingue infine tra IDE attivo o in uscita (quando dall'economia domestica si investe in paesi stranieri) e passivo o in entrata (nel caso contrario).

Dato che influenzano l'economia di ciascun paese, gli IDE sono indicatori importanti per il processo di internazionalizzazione. Con la globalizzazione, questa forma di investimento ha avuto un notevole sviluppo.

Dati[modifica | modifica sorgente]

Le M&A sono oggi i 3/4 degli IDE. Sono un fenomeno che vede coinvolti sia in entrata che in uscita principalmente i paesi sviluppati; infatti queste nazioni hanno una maggiore capacità di investimento e possono offrire aziende che rispondano maggiormente ai target di partecipazione ricercati. In generale l'Europa è il maggior fruitore di ogni tipologia di IDE, anche se negli ultimi anni si è assistito ad un rafforzamento della posizione dei paesi in via di sviluppo. Il picco di IDE si è avuto nel 2000; nel periodo 1995-2005 il loro valore si è raddoppiato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia