Inuyasha the Movie - Un sentimento che trascende il tempo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Inuyasha the Movie - Un sentimento che trascende il tempo
Inu 1 film.jpg
Copertina della versione home video italiana
Titolo originale 犬夜叉 時代を越える想い (Inuyasha - Jidai o koeru omoi)
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2001
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 16:9
Genere animazione, avventura, fantasy
Regia Toshiya Shinohara
Soggetto Rumiko Takahashi
Sceneggiatura Katsuyuki Sumisawa
Produttore Mikihiro Iwata, Michihiko Suwa, Masuo Ueda
Casa di produzione Sunrise, Toho, Shogakukan Pro.
Distribuzione (Italia) Dynit Srl.
Art director Tsutomu Ishigaki, Hiroyuki Hasegawa
Character design Hideyuki Motohashi, Yoshihito Hishinuma
Animatori Hideyuki Motohashi
Fotografia Hisao Shirai
Musiche Kaoru Wada
Tema musicale no more words by Ayumi Hamasaki
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Inuyasha the Movie - Un sentimento che trascende il tempo (犬夜叉 時代を越える想い Inuyasha - Jidai o koeru omoi?) è un film anime del 2001 diretto da Toshiya Shinohara e scritto da Katsuyuki Sumisawa. È il primo di quattro film rilasciati nella serie di film dedicata ad Inuyasha.

Con i personaggi che assomigliano molto di più alla loro versione manga piuttosto che a quella anime, "Un Sentimento che Trascende il Tempo" si avvale di Hideyuki Motohashi, che aveva precedentemente lavorato sui design di personaggi per Fushigi Yūgi, A-ko the Versus e Ayashi no Ceres. Il film fu proiettato nei cinema in Giappone il 15 dicembre 2001, mentre in Italia fu pubblicato in dvd il 15 dicembre 2004 da Dynit. Il film uscì in Giappone durante la trasmissione regolare degli episodi, precisamente tra il 54 ed il 55. Da notare, invece, che in Italia il film fu trasmesso su MTV Italia il 26 dicembre 2004, quindi alla fine della terza serie dell'anime dopo l'episodio 78.

Rumiko Takahashi è stata supervisore delle animazioni e responsabile del design degli antagonisti del film. Le illustrazioni originali dell'autrice, più altre informazioni sul film, sono state pubblicate sul secondo art book dell'anime nel febbraio 2002 in Giappone.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Logo del film.

Duecento anni or sono, il padre di Inuyasha sconfisse un potente demone falena chiamato Hyōga e lo sigillò. Al giorno d'oggi, un frammento di Sfera riesce a liberare Menōmaru, il figlio di Hyōga. Menomaru è in cerca di vendetta per la sconfitta di suo padre e di un modo per liberare il tremendo potere di suo padre, sigillato con lui, ed impossessarsene. Menōmaru ed i suoi sottoposti, Hari e Ruri trovano Inuyasha ed il suo gruppo e lo combattono. Sango e Miroku sono molto impegnati a combattere il duo e non riescono ad impedire a Ruri di copiare e riprodurre il Vortice del Vento di Miroku e ad Hari di rapire la fedele compagna di Sango, Kirara. Menōmaru inoltre maledice Kagome, così da imporle di combattere contro Inuyasha.

Quando Menōmaru riesce finalmente ad impadronirsi del potere dei suoi antenati, precedentemente sigillato dal Grande Demone Cane, si trasforma in un nuovo Hyōga, esponenzialmente molto più potente dei precedenti, poiché ogni generazione assimila tutti i poteri delle precedenti. Hyōga presto inizia a mutare l'essenza del tempo e dello spazio poiché assorbe continuamente anime di innumerevoli persone, così da poter fondere completamente se stesso con il potere della sua famiglia. Questo causa un indebolimento del controllo mentale posto su Kagome precedentemente, che però ferisce la vecchia Kaede e va in cerca di Inuyasha. Mentre il mezzodemone attraversa un ponte, la incontra e crede di avere Kikyo di fronte a lui, ma in realtà la ragazza indossa solo abiti simili a quelli della sacerdotessa. Inuyasha la saluta sul ponte mentre Kagome prova a dirgli di scappare, ma sfortunatamente non vi riesce. Quindi si dirige verso Inuyasha e posa la testa sulla sua spalla. Il mezzodemone la abbraccia, ma dopo Kagome riesce a bisbigliare ad Inuyasha di scappare, avvertendolo del suo conseguente attacco. Inuyasha sembra sconvolto, ma quando viene colpito da "artigli" magici che provengono dalle mani di Kagome, capisce improvvisamente cosa ha fatto Menōmaru. Viene quindi inseguito da Kagome, controllata mentalmente, fino al Goshinboku, l'albero al quale Inuyasha è stato sigillato per cinquant'anni.

Reimpadronendosi per un secondo del controllo di se stessa, Kagome implora Inuyasha di fuggire. Dopo aver sentito dire questa frase da diverse persone, Inuyasha si infuria ed asserisce che non scapperà lasciando Kagome da sola. A quel punto Kagome perde nuovamente il controllo e con una freccia scaglia Inuyasha contro l'albero (in modo abbastanza simile a ciò che successe tra lui e Kikyo cinquant'anni prima), ma la ragazza riesce a liberarsi del controllo mentale, piangendo per il dolore provocato ad Inuyasha e correndo da lui, tenendolo tra le sue braccia. Giunge improvvisamente proprio Kikyo, che pensa a quanto sia ironico tutto quello che è successo. Quindi la miko inizia a dire a Kagome che tutto ciò è successo perché Kagome non appartiene alla loro era, quindi le intima di prendere i frammenti della Sfera e di tornare nel suo tempo. Kikyo quindi costringe Kagome giù per il Pozzo Mangia-Ossa per toglierla di mezzo una volta per tutte, poiché, a causa della manipolazione del tempo di Menomaru, la donna pensava che Kagome sarebbe rimasta intrappolata per sempre nel futuro.

Dopo aver fatto ritorno alla sua epoca, Kagome si ritrova a camminare in una Tokyo innevata. Camminando verso il Goshinboku, l'albero a cui era stato sigillato Inuyasha, lo stesso sotto cui siede in quel momento,lei lo rivede accanto a lei, messo fuori combattimento dalla freccia scagliata da lei stessa quando si trovava sotto il controllo di Menomaru. Mentre cammina verso di lui, un fiocco di neve cade davanti a lei e ne cancella l'immagine. È a quel punto che la ragazza realizza che, senza un modo valido per tornare all'era Sengoku, lei non potrà rivedere mai più Inuyasha e quindi crolla al suolo e scoppia a piangere. Una volta rialzatasi, la ragazza raggiunge l'albero e pone una sua mano su di esso. Kagome e Inuyasha quindi si ritrovano connessi l'uno all'altra attraverso l'albero ed iniziano a dare voce ai loro pensieri. Lui si chiede dove lei si trovi, Kagome gli dice di essere tornata nella sua epoca. Lui replica chiedendole se lo avesse fatto per paura. Inizialmente arrabbiata, Kagome gli dice che non era questa la ragione, ma poi richiama nella sua mente il proprio confronto con Kikyo ed ammette la sua paura. A quel punto Kagome vede Inuyasha come se lui fosse sveglio. Lei gli dice di sentirsi sconsolata e che forse la sua presenza nell'era Sengoku era stata un errore fin dal principio, visto che lui ha finito per essere ferito proprio da lei. Ma Inuyasha si alza e le intima di smetterla di dire quelle cose.

Kagome gli dice di non muoversi per non far riaprire le sue ferite, ma Inuyasha va da Kagome e la abbraccia con trasporto (da qui il nome "Un Sentimento che Trascende il Tempo"), dicendole di aver bisogno di lei e chiedendole perché lei non lo capisca. Kagome quindi inizia nuovamente a piangere e affonda la sua testa nella spalla di lui, ringraziando il mezzodemone. A quel punto Kagome si rialza in piedi. Prova a tornare al Pozzo Mangia-Ossa per tornare da Inuyasha, ma ci sono enormi radici ad impedire l'accesso. Quindi corre di nuovo all'albero, lo tocca di nuovo e dice ad Inuyasha di non poter tornare indietro. Il mezzodemone le dice di usare una freccia sacra. Kagome pensa dentro di sé di non possedere frecce sacre, ma poi capisce dove può prenderne una. Prende in prestito un arco ed un'asta da suo nonno.

Quindi infila l'asta in un buco dell'albero nel quale lei si era fatta male e dove Inuyasha era stato immobilizzato, tirandone fuori una punta di freccia. Prima di tornare al Pozzo Mangia-Ossa, la madre di Kagome da alla ragazza la sua uniforme di scuola. Dopo averla indossata, Kagome scaglia la freccia nel pozzo proprio quando un rigenerato Inuyasha sta per spazzare via le radici. La scia della freccia causa delle bruciature ad Inuyasha, che poi cade tra le macerie del pozzo. Kagome esce dal pozzo, proprio mentre arriva Myoga a dire ai due che devono sconfiggere Menomaru prima che sia troppo tardi.

Sesshomaru fa la sua comparsa, intuendo che l'antico nemico di suo padre sta combattendo con il suo fratellastro, ma sceglie di non interferire. Per la prima volta nella serie, il demone si ritrova ad avere una conversazione con Kikyo. Kikyo in qualche modo era a conoscenza che lui fosse il fratello maggiore di Inuyasha, mentre Sesshomaru sapeva della sua relazione con il mezzodemone, dalla risposta che da alla domanda di Jaken e Rin su chi fosse in realtà la donna, dicendo loro che non era nessuno, solo una sacerdotessa morta. Infine, il demone va via, avvertendo Kikyo che lui rimane il solo a poter uccidere Inuyasha.

Miroku e Sango riescono a sconfiggere Hari e Ruri e si uniscono ad Inuyasha, Kagome e Shippo in una dura lotta contro Menomaru. A quel punto, lui emerge dal suo bozzolo come il nuovo Hyoga, un dio falena con molto più potere di quanto ne avesse mai avuto suo padre. Inuyasha, con il suo Bakuryuha, riesce a trovare il modo di sconfiggere Hyoga una volta per tutte, dopo aver distrutto la fonte del suo potere situata sulla fronte del nuovo Hyoga grazie al potere di una freccia sacra di Kagome unito al suo.

Dopo la fine dei crediti, Inuyasha e Kagome sono ancora sotto il Goshinboku, ma stavolta nella Tokyo moderna, mentre dialogano serenamente, o quasi..

Altre info[modifica | modifica wikitesto]

  • Le immagini dei personaggi sulla copertina del DVD sono tratte dal manga: Inuyasha dalla prima pagina nel capitolo 10 del volume 17; Kagome dal capitolo 3 del volume 16, quando punta la freccia contro Naraku.
  • Curiosamente negli episodi 137-140 dell'anime trasmessi tra il gennaio ed il febbraio 2004 (perciò circa due anni dopo l'uscita del lungometraggio) compare un personaggio di nome Hoshiyomi con un design incredibilmente simile a quello di Menomaru.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) Rumiko Takahashi, Gekijōban TV-ban, Inuyasha Anime Zenshū (劇場版テレビ版 犬夜叉アニメ全書 lett. Edizione TV e film, il libro completo dell'anime di Inuyasha?), Shogakukan, febbraio 2002, pp. 145 pag., ISBN 978-4-09-101167-1.