Inuyasha the Movie - Il castello al di là dello specchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Inuyasha the Movie - Il castello al di là dello specchio
Inu film 2.jpg
Copertina della versione home video italiana
Titolo originale 犬夜叉 鏡の中の夢幻城 (Inuyasha - Kagami no naka no mugenjō)
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2002
Durata 100 min
Colore colore
Audio Vario
Rapporto 16:9
Genere animazione, avventura, fantasy
Regia Toshiya Shinohara
Soggetto Rumiko Takahashi
Sceneggiatura Katsuyuki Sumisawa
Produttore Mikihiro Iwata, Michihiko Suwa, Masuo Ueda
Casa di produzione Sunrise, Toho, Shogakukan Pro.
Distribuzione (Italia) Dynit Srl.
Art director Tsutomu Ishigaki, Hiroki Nomura
Character design Hideyuki Motohashi, Yoshihito Hishinuma
Animatori Hideyuki Motohashi
Fotografia Hirofumi Yagi
Musiche Kaoru Wada
Tema musicale Yura Yura e Ai no Uta by Every Little Thing
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Inuyasha the Movie - Il castello al di là dello specchio (犬夜叉 鏡の中の夢幻城 Inuyasha - Kagami no naka no mugenjō?) è il secondo film anime della serie di lungometraggi dedicata ad Inuyasha. Fu proiettato nei cinema in Giappone il 21 dicembre 2002 (tra la trasmissione degli episodi 95 e 96 della serie). In Italia fu distribuito in DVD il 25 maggio 2005 da Dynit ed in seguito trasmesso in tv su MTV Italia il 4 ottobre dello stesso anno.

In questo film, il design dei personaggi di Hideyuki Motohashi è virtualmente identico alla versione originale disegnata da Rumiko Takahashi nel manga (piuttosto che usare il design di Yoshihito Hishinuma della serie anime).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Logo del film

La storia comincia con l'ennesimo scontro tra Naraku ed il gruppo di Inuyasha. Stavolta, però, le cose sembrano andare diversamente, visto che Inuyasha ed i suoi amici riescono incredibilmente a sconfiggere il loro mortale nemico. Inizialmente tutti nutrono qualche dubbio sull'effettiva morte di Naraku, ma improvvisamente Miroku si sente diverso. Infatti, il Vortice del Vento sulla mano destra del monaco è sparito. Anche Kagura è scioccata quando realizza che il suo cuore è finalmente tornato da lei. Kagome, Sango e Shippo si rilassano in una sorgente calda. A quel punto fa la sua comparsa Akitoki Hojo (l'antenato di Hojo, compagno di scuola di Kagome), che sembra abbastanza confuso su come arrivare sul Monte Fuji. Il ragazzo nota il gruppetto intento a bagnarsi, credendo che siano fanciulle celestiali, ma viene catturato da Miroku. Ma Sango equivoca quando nota Miroku, non vedendo Akitoki, e gli lancia un enorme masso. Inuyasha sente il rumore ed accorre, con Tessaiga sguainata. In ogni caso, Kagome, che non vuole che Inuyasha la veda nuda ancora una volta, gli ordina di andare a cuccia, con Inuyasha che precipita su di un albero. Akitoki riesce a nuotare via non visto, pensando a quanto è stato fortunato, mentre Inuyasha e Kagome si trovano ancora una volta alle prese con un'accesa lite. Hojo è sollevato dall'essersi salvato e sguscia via. Dopo il bagno il gruppo decide di separarsi, con Inuyasha, Kagome e Shippo che decidono di partire subito per finire di raccogliere i frammenti della Sfera dei Quattro Spiriti.

Miroku fa ritorno dal suo maestro, mentre Sango decide di fare ritorno al suo villaggio per iniziare una più approfondita ricerca di Kohaku.

Kagome ritorna per un breve periodo alla sua epoca per mettersi in pari con la scuola e ad una lezione le capita di sentire la leggenda della Principessa Kaguya. Kaguya era una fanciulla proveniente dalla luna, trovata da un tagliatore di bambù nella foresta. Quando le si presentavano dei corteggiatori, Kaguya assegnava loro compiti impossibili e li rifiutava tutti, finché non fece ritorno alla luna.

Kagura e Kanna, le uniche due emanazioni sopravvissute di Naraku, non sono affatto nervose per la morte di Naraku e seguendo un'indicazione di Kanna si recano in un bosco dove Kanna trova uno specchio simile a quello che già possiede e risvegliano una fanciulla che dichiara di essere Kaguya, la Principessa dei Cieli. La donna vuole essere liberata, promettendo in cambio a Kagura di realizzare il suo più grande desiderio: essere libera. Kagura e Kanna vanno alla ricerca di cinque oggetti magici che libereranno completamente Kaguya dallo specchio.

Kohaku è tornato al villaggio degli sterminatori, senza conservare alcun ricordo della propria identità. Il maestro di Miroku, Mushin, assegna al monaco un compito che per tradizione avrebbe dovuto essere assegnato al discendente della famiglia che avrebbe sconfitto Naraku. Miroku deve distruggere un demone che minaccia di far sprofondare il mondo nell'oscurità eterna. Il primo segno dell'arrivo di questo demone per la prima volta dopo cinquant'anni è una luna piena che brillerà per diverse notti.

Kagome fa ritorno all'epoca di Inuyasha ed i due, accompagnati da Shippo, partono per la loro missione di recupero dei frammenti della Sfera. Improvvisamente Inuyasha sente la presenza di Naraku, ma invece si imbatte in Kagura. La donna, dopo un breve combattimento, riesce a strappare via una manica dalla veste di Inuyasha. La veste di Inuyasha, infatti, non è una veste come tutte le altre ma è la leggendaria Veste del Cane di Fuoco. Lei e Kanna stanno per andarsene, quando appare la luna e viene recitato un poema. Kaguya fa la sua apparizione ed usa le sue abilità per individuare e scatenare i desideri oscuri del cuore di Inuyasha contro di lui. Kagura libera il suo attacco più potente, la Danza del Dragone, ed Inuyasha glielo rimanda grazie al suo Bakuryuha, ma viene fermato da Kanna che usa il suo specchio per rispedire l'attacco al mittente. Kagome prova a fermare Kaguya dall'infliggere ulteriori danni ad Inuyasha, provocando la fuga dei demoni, mentre Kaguya nota che Kagome ha una strana aura che la circonda che non si accorda con lo scorrere del tempo.

Inuyasha ed il resto del gruppo partono per inseguire Kaguya ma si imbattono in Akitoki Hojo, che sta viaggiando verso il Monte Fuji per gettarvi un cimelio di famiglia, una veste celestiale (hagoromo). Akitoki finisce con l'unirsi al gruppo, in parte perché ha sviluppato una sorta di amore a prima vista per Kagome ed in parte perché è vittima di un ricatto da parte di Shippo per un incidente avvenuto precedentemente. Nel frattempo, Kikyo inizia ad investigare sulla morte di Naraku e si imbatte in un villaggio completamente distrutto, dove una ragazza in punto di morte le consegna il Calice di Pietra di Buddha.

Miroku (insieme al suo servo tanuki, Hachi) è in viaggio verso la tomba di suo padre (che scopriamo chiamarsi Miatsu) per scovare il demone che dovrebbe sconfiggere. Durante il viaggio gli capita di sentire una leggenda locale su di una fanciulla celestiale, Kaguya. Il nonno di Miroku, che era uno dei più potenti monaci della serie, deduzione che possiamo fare considerando che a suo tempo aveva sconfitto Kaguya completamente da solo, aveva sigillato la donna in uno specchio poiché non era stato capacce di ucciderla per via della sua bellezza e dei suoi atteggiamenti da maniaco, tipici anche del nipote. L'hagoromo di Kaguya fu affidato ad una famiglia cui erano state date precise istruzioni di liberarsi della veste se Kaguya fosse mai riuscita a liberarsi.

Kagura giunge nel villaggio di Sango ed attacca Kohaku, prendendo per sé la preziosa madreperla Rondine, oggetto che possedeva il giovane sterminatore. Dopo che Kikyo consegna a Kagura il Calice di Pietra di Buddha senza opporsi, Kagura e Kanna, già in possesso degli ultimi due oggetti che servivano loro, cioè il ramoscello delle sfere di Horai, il globo della gola di drago e la veste del cane di fuoco, riescono a liberare Kaguya dal suo specchio. Kaguya va alla ricerca del suo hagoromo e si imbatte in Inuyasha e Kagome. Dopo aver bloccato Inuyasha contro un albero, Kagome scaglia una freccia sacra per uccidere Kaguya, ma la principessa la assorbe e la scaglia contro Inuyasha. Kagome quindi si lancia per deviare la freccia, mentre Akitoki lancia l'hagoromo tra la freccia e Kagome, ma Kagome viene colpita dalla sua stessa freccia per salvare Inuyasha. Inuyasha pensa che Kagome sia morta e minaccia Kaguya. Quindi Kaguya prende Kagome e dice ad Inuyasha di seguirla, se vuole.

Kaguya, che si è impossessata dell'hagoromo e quindi ora la sua potenza è aumentata esponenzialmente, si prepara a far calare per sempre la notte sulla Terra. Inuyasha incontra quindi Miroku, Sango e Kohaku (che nel frattempo era stato ritrovato da Sango e l'aveva seguita) ed il gruppo si prepara per andare nel mondo dentro lo specchio, il mondo di Kaguya, per salvare Kagome e fermare la principessa. Inuyasha rivuole indietro la manica della sua Veste del cane di Fuoco (tale veste si chiama, in lingua giapponese, veste dell'Hinezumi ovvero di un topo, quindi letteralmente la traduzione sarebbe veste del Topo di fuoco, ma nel movie viene tradotta come prima citato) rubata da Kaguya. Si scopre quindi che Kaguya era in realtà un demone che assorbì la vera Kaguya e si impossessò della sua bellezza e del suo potere. Kaguya prova a causare la trasformazione di Inuyasha in demone completo, ma la sua voce sveglia Kagome, che cerca immediatamente di fermare la trasformazione abbracciandolo e dicendogli di piacergli così com'è, un mezzodemone. A causa di questo, Inuyasha vede Kagome (nella sua mente) che corre verso di lui. Quando Inuyasha prova ad attaccarla, Kagome gli dice ancora di piacergli per ciò che è, ovvero un mezzodemone. Questo ferma l'attacco di Inuyasha.

In ogni caso, non funziona completamente e, per risvegliare lo spirito umano di Inuyasha, Kagome lo bacia. Kaguya ordina ad Inuyasha di uccidere Kagome. Durante il loro abbraccio, Kagome chiede mentalmente ad Inuyasha se loro due staranno ancora insieme. Mentre pensa questo, una lacrima scorre sulla guancia della ragazza. Stavolta Kagome riesce nel suo intento, poiché non appena Inuyasha risponde al bacio di Kagome, lo specchio di Kaguya si spacca, permettendo ad Inuyasha di tornare alla sua forma di mezzodemone. Inuyasha dice a Kagome, abbracciandola, che rimarrà un mezzodemone ancora un po' per lei. Durante la battaglia finale del gruppo contro Kaguya, Naraku riappare, rivelando di avere finto di proposito la propria morte per assorbire Kaguya. In ogni caso, Naraku essendo un mezzodemone non è in grado di affrontarla ad armi pari. Naraku quindi scappa con Kohaku, nuovamente sotto il suo controllo, Kagura e Kanna. Kagome quindi combina i suoi poteri con quelli di Miroku, poiché scaglia un pezzo del suo bastone come se fosse una freccia e distrugge lo specchio di Kaguya. Inuyasha quindi cerca di distruggere il corpo fisico di Kaguya con il suo Bakuryuha. Ma Kaguya si fa rivedere sotto forma di una nuvola nera e prova ad assorbire Kagome per cercare di impossessarsi di un nuovo corpo. Ma i suoi sforzi sono vani, poiché viene uccisa dal Vortice del Vento di Miroku; così, il più grande desiderio del nonno di Miroku viene esaudito.

Dopo i crediti, Miroku costringe Sango a schiaffeggiarlo in faccia ancora una volta mentre tentava di baciarla. La scusa di Miroku si basa sul fatto che Kagome ed Inuyasha avevano avuto il loro momento magico, quindi lui ritiene di dover fare altrettanto. Inuyasha e Kagome iniziano ad assumere tutte le sfumature di rosso sentendo queste parole. Alla fine, Akitoki Hojo riesce finalmente a lanciare l'hagoromo di Kaguya nel Monte Fuji, così da prevenire una sua altra eventuale liberazione da parte di qualcun altro.

Altre info[modifica | modifica wikitesto]

  • Nonostante il film non sia in continuity con la storia originale dell'anime e del manga, il personaggio di Akitoki Hojo ricomparirà nuovamente negli episodi 137-140 dell'anime.
  • Nella versione italiana del film, l'abito di Inuyasha cioè la "Veste del Topo di Fuoco" (Hinezumi no Ke in originale), è stranamente tradotto come "Veste del Cane di Fuoco".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]