Intra-frame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'intra-frame (letteralmente, "intra-fotogramma") è una tecnica utilizzata nella codifica video (compressione). È parte di un gruppo di immagini insieme agli inter-frame.[1]

Il termine codifica intra-frame si riferisce al fatto che molte tecniche di compressione dati lossless (senza perdita dei dati) e lossy (con perdita dei dati) vengono eseguite solo rispetto al frame corrente (current frame) e non rispetto agli altri frame contenuti nella sequenza video. In altre parole nessuna elaborazione viene eseguita al di fuori dell'immagine o del frame corrente. Tutte le tecniche di codifica che non sono intra-frame sono estensioni di quest'ultima. Lo schema di codifica è molto simile a quello di un codificatore di immagini JPEG, con piccoli differenti dettagli di implementazione.[2]

Le specifiche dell'inter-frame sono state pubblicate per la prima volta dal CCITT tra il 1988 e il 1990 in mezzo a quelle dell'H.261, pensato per conferenze e sistemi telefonici basati su reti ISDN.

Processo di codifica[modifica | modifica sorgente]

Di solito i dati sono letti da una videocamera o una scheda di memoria nel formato YCbCr (spesso erroneamente chiamato YUV, che dovrebbe essere usato solo per dati analogici). Il processo di codifica varia molto a seconda dall'encoder utilizzato (es. JPEG, H.264), ma i passaggi più comuni includono: partizionamento in macroblocchi, trasformazione (es. trasformata discreta del coseno o Wavelet), quantizzazione e codificazione entropica.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) (EN) Intra Frame definition, 2010.
  2. ^ (EN) Intraframe Compression Techniques, 2010.
  3. ^ (EN) (EN) Intra frame Coding, 2010.