Intossicazione da molluschi paralizzanti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'intossicazione da molluschi paralizzanti (PSP) è una delle 4 forme di avvelenamenti marini, dovuto all’indigestione di quei organismi che si alimentano filtrando l’acqua, sia si trovassero in acque libere che si trovassero in allevamenti specifici. Fra i molluschi interessati a tale avvelenamento troviamo ostriche, vongole, chitoni, pettini, stelle di mare e granchi.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Si ritrova traccia nei diari di George Vancouver, dove descriveva con perizia la morte di un suo membro dell'equipaggio il 15 giugno 1793, il primo caso di morte dovuta all'Intossicazione da molluschi paralizzanti di cui si ha traccia.[1]

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Le prime manifestazioni si mostrano dopo un periodo variabile dall' ingestione di tali molluschi, che oscilla da alcuni minuti a diverse ore. Si osservano parestesie nella bocca che con il tempo raggiungono il collo e le estremità, progredendo in paralisi. Inoltre si possono manifestare debolezza, nausea, diarrea, alterazioni dell’equilibrio, iperreflessia, vomito e cefalea. Si arriva a seconda della quantità ingerita anche ad insufficienza respiratoria, e in dosi eccessive anche alla morte.[2] Il tasso di mortalità varia a seconda dei paesi arrivando a superare anche il 23% dei casi i periodi di maggiore incidenza sono maggio e novembre.[3]

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

I molluschi diventano pericolosi per l’uomo quando concentrano le tossine chimiche ingerendo organismi microscopici quali i dinoflagellati e i protozoi del plancton. Tali organismi si riproducono soprattutto nelle acque temperate e subtropicali aderenti alle coste dei vari luoghi. Tali tossine idrosolubili non vengono distrutte durante le normali cotture dei cibi. La saxitossina è la maggiore responsabile,[4] con i suoi 21 derivati.[5]

Terapie[modifica | modifica sorgente]

Puà essere d'aiuto una lavanda gastrica con bicarbonato di sodio al 2%[6] Per scongiurare qualunque paralisi respiratoria l’individuo deve essere monitorato per 24 ore.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ J. Acres, J. Gray, Paralytic shellfish poisoning. in Can Med Assoc J., nº 119, novembre 1978, pp. 1195–1197.
  2. ^ Kao CY. Paralytic shellfish poisoning. In: Falconer IR, editor. Algal Toxins in Seafood and Drinking Water. Academic Press; London: 1993. pp. 75–86.
  3. ^ Morse EV., Paralytic shellfish poisoning: a review. in J Am Vet Med Assoc., dicembre 1977, pp. 1178-80.
  4. ^ Mihali TK,., Kellmann R, Neilan BA, Characterisation of the paralytic shellfish toxin biosynthesis gene clusters in Anabaena circinalis AWQC131C and Aphanizomenon sp. NH-5. in BMC Biochem., nº 30, marzo 2009, p. 8..
  5. ^ Oshima Y. Chemical and enzymatic transformation of paralytic shellfish toxins in marine organisms. In: Lassus P, Arzul G, Erard-Le-Denn E, Gentien P, Marcaillou-Le-Baut C, editors. Harmful Marine Algal Blooms. Technique et Documentation, Lavoisier; Paris: 1995. pp. 475–480.
  6. ^ Family medicine: principles and practice Stat Ref Family Medicine, sesta edizione p. 805. Robert B. Taylor,Springer, 2002.ISBN 9780387954004

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina