Internazionale 5 quilles

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Internazionale 5 quilles (in precedenza conosciuta anche come Italiana 5 birilli, più semplicemente 5 birilli) è la più nota tra le specialità del biliardo all'italiana.

Si disputa sul tavolo da biliardo di misure 284 x 142cm senza buche (detto anche "tavolo internazionale")[1], lo stesso utilizzato per la specialità della carambola.

Altre specialità di gioco con diversi punti di contatto con l'Internazionale 5 quilles sono la goriziana (nove birilli) e le boccette.

Compendio delle regole di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Generalità[modifica | modifica wikitesto]

Il tavolo da biliardo attualmente in uso è privo di buche e si gioca con tre biglie dello stesso diametro. Le biglie hanno tre colori diversi: si usano spesso il bianco, il giallo e il rosso. Le biglie di colore bianco e giallo sono quelle usate dai giocatori mentre quella rossa ha la funzione di pallino[1] ma sino alla metà degli anni ottanta in Europa era abituale l'uso del biliardo corredato da sei buche strette (una per ogni angolo e due al centro della sponda di maggior lunghezza) e l'uso di due biglie usate dai giocatori (solitamente erano bianche entrambe di cui una con un puntino nero, oppure erano una bianca e una rossa) e di una terza, più piccola, con la funzione di pallino (solitamente di colore bianco).

Come da nomenclatura della specialità, al centro del biliardo è posta una croce di birilli (detta castello) composta da quattro birilli esterni bianchi e uno centrale rosso, posizionati perpendicolarmente alle sponde e distanziati tra di loro di uno spazio pari a circa quello strettamente necessario al passaggio di una biglia.

Una semplificazione schematica della preparazione per una partita al "cinque birilli"

La partita si svolge tra due giocatori o tra due squadre di giocatori (normalmente composte da due giocatori per squadra) che, dopo la scelta iniziale del colore della propria biglia (da usare per tutta la durata della partita) e la sistemazione delle biglie nella posizione di partenza, si alternano reciprocamente al tiro.

Lo scopo del gioco è quello di colpire con la stecca la propria biglia in maniera valida e, tramite essa, colpire la biglia avversaria in modo tale che quest'ultima, nella sua corsa sul tavolo di gioco, abbatta dei birilli e/o colpisca il pallino ottenendo così punti a proprio vantaggio. Nel caso invece uno o più birilli siano abbattuti dalla propria biglia, il totale dei punti è "perso", ossia sarà attribuito all'avversario. La partita termina al raggiungimento del punteggio prefissato dai giocatori o dall'arbitro di gioco (abitualmente 60 punti).

Quando si giocava con i tavoli con le buche strette e il relativo set di biglie (2 grandi e 1 più piccola) riuscire a colpire la biglia avversaria nel caso fosse necessario un tiro indiretto (colpendo prima una o più sponde) risultava maggiormente difficoltoso a causa di una superficie di battuta non continua (interrotta dalle buche); se la propria biglia cadeva in una buca tutti i punti eventualmente ottenuti venivano "persi" e quindi attribuiti all'avversario, quest'ultimo rimetteva in gioco la biglia imbucata in posizione di acchito opposto alla posizione in cui in quel momento si trovava la propria e giocava una biglia libera (posizionava a proprio piacere la propria per effettuare il proprio tiro). Se viceversa si faceva cadere la biglia avversaria in buca l'avversario rimetteva in gioco la biglia imbucata posizionando la propria bilia a piacere in un punto qualsiasi della metà biliardo opposta. Infine se a cadere in buca era il pallino, il valore attribuito era doppio.

Punteggio[modifica | modifica wikitesto]

Punti Azione
2 punti ogni birillo bianco abbattuto
4 punti birillo centrale rosso abbattuto insieme ad almeno un birillo bianco
10 punti birillo centrale rosso abbattuto da solo
3 punti pallino colpito dalla bilia avversaria, una volta colpita regolarmente dalla propria bilia
4 punti pallino colpito dalla propria bilia, una volta che essa ha colpito regolarmente la bilia avversaria

Il pallino viene conteggiato una sola volta, in base alla prima tra le due biglie che lo colpisce.

Con un colpo solo, il massimo punteggio realizzabile è 16 (tutti i birilli abbattuti e pallino colpito dalla propria bilia).

Penalità[modifica | modifica wikitesto]

Nel gioco si incorre a penalità per diversi motivi:

  • non si stecca la propria bilia in modo corretto (steccata);
  • non si colpisce la bilia avversaria per traiettoria errata o corta;
  • si abbattono uno o più birilli prima di colpire la bilia avversaria;
  • si fanno uscire una o più bilie dal tavolo anche se toccano la parte superiore (cornice) della sponda;
  • si tocca con il corpo, con la stecca o con gli indumenti la bilia battente, la bilia avversaria o il pallino;
  • si abbattono uno o più birilli con la stecca o con il corpo;
  • si colpisce il pallino prima della biglia avversaria;
  • viene reclamata una posizione scorretta del giocatore che ha preso palla a mano.

In caso di punti persi, si conteggiano 2 punti per la penalità più gli eventuali punti realizzati (in questo caso il pallino viene conteggiato sempre con 2 punti indifferentemente se colpito con bilia propria o avversaria)[1].

Albi d'oro della specialità[modifica | modifica wikitesto]

Campionato mondiale individuale[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Località Nazione Vincitore Nazionalità
1965 Santa Fe Argentina Manuel Gomez[2] Argentina
1968 Bell Ville Argentina Anselmo Berrondo[3] Uruguay
1975 Campione d'Italia Italia Domenico Acanfora Italia
1978 Bell Ville Argentina Ricardo Fantasia Argentina
1979 Pesaro Italia Attilio Sessa Italia
1980 Necochea Argentina Néstor Osvaldo Gómez[4] Argentina
1982 Loano Italia Néstor Osvaldo Gómez Argentina
1983 Marco Juarez Argentina Miguel Angel Borrelli Argentina
1985 Spoleto Italia Giampiero Rosanna Italia
10º 1987 Milano Italia Carlo Cifalà Italia
11º 1989 Chiasso Svizzera Gustavo Enrique Torregiani Argentina
12º 1990 Brescia Italia Gustavo Enrique Torregiani Argentina
13º 1992 Arezzo Italia Giampiero Rosanna Italia
14º 1993 Bolivar Argentina Fabio Cavazzana Italia
15º 1995 Fiuggi Italia Gustavo Adrian Zito Italia
16º 1998 Ferrara Italia David Martinelli Italia
17º 1999 Necochea Argentina Gustavo Adrian Zito Italia
18º 2003 Legnano Italia Crocefisso Maggio Italia
19º 2006 Siviglia Spagna Michelangelo Aniello Italia
20º 2008 Sarteano Italia Andrea Quarta Italia
21º 2009 Villa María Argentina Gustavo Enrique Torregiani Argentina

World Cup Pro[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Località Nazione Vincitore Nazionalità
1993 Cannes Francia Salvatore Mannone Italia
1994 Saint Vincent Italia Gustavo Adrian Zito Argentina
1996 Saint Vincent Italia David Martinelli Italia
1997 Montecarlo Monaco Gustavo Adrian Zito Italia[5]

Campionato europeo individuale[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Località Nazione Vincitore Nazionalità
1986 San Remo Italia Carlo Cifalà Italia
1988 Basilea Svizzera Carlo Cifalà Italia
1990 Verona Italia Attilio Sessa Italia
1991 Intra Italia Paolo Diomajuta Italia
1992 Sabadell Spagna Riccardo Belluta Italia
1993 Pompei Italia Angelo Bellocchio Italia
1997 Milano Italia David Martinelli Italia
1999 Montecarlo Principato di Monaco Crocefisso Maggio Italia
2005 Brandeburgo Germania Andrea Quarta Italia
10º 2007 Mirabella Eclano Italia Andrea Quarta Italia
11º 2010 Brandeburgo Germania Andrea Quarta Italia
12º 2013 Brandeburgo Germania Michelangelo Aniello Italia

Campionato italiano professionisti[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Località Vincitore Provincia
2000 Villongo Gustavo Adrian Zito Montecarlo
2001 Saint Vincent Carlo Cifalà Firenze
2002 Saint Vincent Gustavo Adrian Zito Montecarlo
2003 Saint Vincent Gustavo Adrian Zito Montecarlo
2004 Saint Vincent Gianni Bombardi Milano
2005 Saint Vincent Crocefisso Maggio Brindisi
2006 Saint Vincent Michelangelo Aniello Avellino
2007 Saint Vincent Michelangelo Aniello Avellino
2008 Saint Vincent Antonio Girardi Como
10º 2009 Saint Vincent Giovanni Triunfo Foggia
11º 2010 Saint Vincent Andrea Quarta Torino
12º 2011 Saint Vincent Salvatore Mannone Milano
13º 2012 Saint Vincent Andrea Quarta Torino
14º 2013 Saint Vincent Andrea Quarta Torino
15º 2014 Saint Vincent Andrea Quarta Torino

Campionato italiano categoria nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Località Vincitore Provincia
1972 Jesi Laurdes Cavallari[6] Milano
1973 Jesi Paolo Coppo Alessandria
1974 Jesi Domenico Acanfora Napoli
1975 Jesi Ernesto Di Tizio[7] Pescara
1976 Jesi Michele Risolo Milano
1977 Jesi Marcello Stoppa Milano
1978 Jesi Paolo Diomajuta Pescara
1998 Saint Vincent Gianni Bombardi Biella
1999 Saint Vincent Rossano Rossetti Ancona
10º 2000 Saint Vincent Massimo Malafronte Salerno
11º 2001 Saint Vincent Rossano Rossetti Ancona
12º 2002 Saint Vincent Gerardo Mascolo Napoli
13º 2003 Saint Vincent Daniele Montereali Roma
14º 2004 Saint Vincent Antonio De Riccardis Lecce
15º 2005 Saint Vincent Ennio Campostrini Modena
16º 2006 Saint Vincent Giovanni Cioffi Milano
17º 2007 Saint Vincent Antonio Girardi Como
18º 2008 Saint Vincent Fabio Cavazzana Padova
19º 2009 Saint Vincent Alberto Putignano Firenze
20º 2010 Saint Vincent Andrea Paoloni Ascoli Piceno
21º 2011 Saint Vincent Michelangelo Aniello Avellino
22º 2012 Saint Vincent Riccardo Belluta Milano
23º 2013 Saint Vincent Matteo Gualemi Firenze
24º 2014 Saint Vincent Carlo Diomajuta Pescara

Campionato italiano AICS[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Località Vincitore Provincia
1999 Altavilla Vicentina Riccardo Belluta Milano
2000 Altavilla Vicentina Lorenzo Pavanello Venezia
2001 Altavilla Vicentina Giovanni Triunfo Foggia
2002 Altavilla Vicentina Arturo Albrito Torino
2003 Altavilla Vicentina Odino Crepaldi Torino
2004 Altavilla Vicentina Andrea Quarta Torino
2005 Altavilla Vicentina Paolo Marcolin Varese
2006 Altavilla Vicentina Riccardo Belluta Milano
2007 Altavilla Vicentina Fabio Cavazzana Padova
10º 2008 Altavilla Vicentina Andrea Paoloni Ascoli Piceno
11º 2009 Altavilla Vicentina David Martinelli Verbania
12º 2010 Altavilla Vicentina Ennio Campostrini Torino
13º 2011 Altavilla Vicentina Salvatore Mannone Milano
14º 2012 Altavilla Vicentina Fabio Cavazzana Padova
15º 2013 Altavilla Vicentina Crocefisso Maggio Brindisi
16º 2014 Altavilla Vicentina Andrea Quarta Torino

Gran Premio di Saint Vincent[modifica | modifica wikitesto]

Edizione Anno Località Vincitore Provincia
1960 Saint Vincent Giovanni Cappelli Firenze
1961 Saint Vincent Laurdes (Sesto) Cavallari[8] Milano
1962 Saint Vincent Ruggero Crotti[9] Milano
1963 Saint Vincent Silvano Cambi Firenze
1964 Saint Vincent Rosario Di Stefano[10] Milano
1970 Saint Vincent Paolo Coppo Alessandria
1972 Saint Vincent Bruno Zanti Milano
1973 Saint Vincent Salvatore Centorami Pescara
1974 Saint Vincent Liliano Palloni Pistoia
10º 1975 Saint Vincent Andrea Esposito Torino
11º 1976 Saint Vincent Renato Corbellini Milano
12º 1977 Saint Vincent Renato Corbellini Milano
13º 1978 Saint Vincent Carlo Sandri Torino
14º 1979 Saint Vincent Paolo Venerando Venezia
15º 1984 Saint Vincent Nicolò Cammarata Milano
16º 1985 Saint Vincent Enzo Vicario Torino
17º 1988 Saint Vincent Giuseppe Caruso Firenze
18º 1989 Saint Vincent Giovanni Silla Firenze
19º 1990 Saint Vincent Francesco Auletta Napoli
20º 1991 Saint Vincent Giovanni Silla Firenze
21º 1992 Saint Vincent Gustavo Adrian Zito Reggio Emilia
22º 1994 Saint Vincent Giampietro Momentè Sondrio
23º 1995 Saint Vincent Giuseppe Consagno Salerno
24º 1998 Saint Vincent Massimo Caria Milano
25º 1999 Saint Vincent Gustavo Adrian Zito Montecarlo
26º 2000 Saint Vincent Davide Di Santo Milano
27º 2001 Saint Vincent Riccardo Masini Milano
28º 2002 Saint Vincent Gustavo Enrique Torregiani Brescia
29º 2003 Saint Vincent Gustavo Enrique Torregiani Brescia
30º 2004 Saint Vincent Gustavo Adrian Zito Montecarlo
31º 2005 Saint Vincent Andrea Quarta Torino
32º 2006 Saint Vincent Daniele Montereali Roma
33º 2007 Saint Vincent Massimo Caria Milano
34º 2008 Saint Vincent Andrea Quarta Torino
35º 2009 Saint Vincent Antonio De Riccardis Lecce
36° 2010 Saint Vincent Andrea Quarta Torino
37° 2011 Saint Vincent Riccardo Belluta Milano
38° 2013 Saint Vincent Crocefisso Maggio Brindisi

Elenco vincitori prove BTP a partire dalla stagione sportiva 2002/2003[modifica | modifica wikitesto]

Posizione Vittorie Vincitore Provincia
17 Andrea Quarta Torino
8 Crocefisso Maggio Brindisi
6 Gustavo Adrian Zito Montecarlo
6 Michelangelo Aniello Avellino
5 Daniele Montereali Roma
4 Riccardo Belluta Milano
4 Salvatore Mannone Milano
3 Daniel López Rimini
3 David Martinelli Pisa
10º 3 Gaetano Romeo Agrigento
11º 2 Paolo Marcolin Varese
12º 2 Marco Sala Milano
13º 2 Andrea Paoloni Ascoli Piceno
14º 2 Gianni Bombardi Biella
15º 1 Giovanni Triunfo Foggia
16º 1 Fabrizio Borroni Milano
17º 1 Antonio Girardi Como
18º 1 Giampiero Rosanna Varese
19º 1 Ennio Campostrini Torino
20º 1 Gerardo Mascolo Napoli
21º 1 Francesco Auletta Caserta
22º 1 Giovanni Muro Napoli
23º 1 Riccardo Masini Firenze
24º 1 Carlo Cifalà Firenze
25º 1 Marco Micucci Macerata
26º 1 Sandro Giachetti Firenze
27º 1 Antonio La Manna Napoli

Altri campioni della specialità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Regolamento FIBIS operativo dal 1º settembre 2013.
  2. ^ detto "El Gordo", formidabile mancino della scuola Argentina
  3. ^ Detto "la Bibbia".
  4. ^ detto " nené "
  5. ^ Dal 1995 rappresenta l'Italia.
  6. ^ detto "sesto"
  7. ^ detto "Il Leone dell'Adriatico"
  8. ^ Detto "Napoleone".
  9. ^ meglio conosciuto come "Winkler Crotti"
  10. ^ detto "Il Mago"
  11. ^ Il suo nome è legato a uno dei colpi più famosi della specialità.
  12. ^ conosciuto come " Lo Scuro" per il suo aspetto cupo. divenuto famoso nei film di Francesco Nuti ("Io, Chiara e lo scuro;Casablanca, Casablanca). è anche l'inventore della mitica Ottavina Reale
  13. ^ Detto "Tonino".
  14. ^ Omonimo e parente del pugile Alessandro Mazzinghi.
  15. ^ uno dei più famosi mancini della storia del biliardo assieme a David Martinelli
  16. ^ detto Il Pittore

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport