Insufficienza epatica fulminante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Si definisce Insufficienza epatica fulminante o atrofia gialla acuta del fegato l'insufficienza epatica che conduce all'encefalopatia epatica nel giro di 2-3 settimane.

Cause[modifica | modifica sorgente]

Nel 50-60% dei casi è causata dai virus epatitici HAV, HBV, HCV, HDV (sia nella coinfezione acuta che nella superinfezione con l'HBV) e HEV.

Nel 30% è indotta da farmaci o sostanze chimiche quali: paracetamolo, alotano, farmaci antitubercolari (rifampicina, isoniazide), antidepressivi (inibitori delle monoaminossidasi), agenti industriali (tetracloruro di carbonio) e veleno di funghi (Amanita phalloides).

Morfologia e istologia[modifica | modifica sorgente]

Il fegato può contrarsi nell'arco di pochi giorni fino a pesare 500-700 gr. (dai 1400-1600 gr. del fegato normale), risultando flaccido e assumendo un colorito che va dal giallo intenso al rossastro, è rivestito da una capsula che, non riuscendo ad adattarsi alla brusca diminuzione di volume, diviene grinzosa ed opaca. Al suo interno si repertano aree necrotiche di aspetto fangoso con chiazze di bile. Da un punto di vista istologico si osserva la scomparsa dei lobuli epatici con liquefazione degli epatociti e la trama reticolinica collassata (impedendo la possibilità di una corretta rigenerazione). La reazione infiammatoria è sorprendentemente scarsa. Se il soggetto riesce a sopravvivere, gli epatociti superstiti vanno incontro a rigenerazione secondaria, che nella maggioranza dei casi avviene in maniera disordinata conducendo alla cirrosi macronodulare post-necrotica, caratterizzata dalla presenza di masse nodulari di epatociti separate da ampie bande di tessuto cicatriziale.

Diagnosi e decorso clinico[modifica | modifica sorgente]

L'insufficienza epatica fulminante può esordire con ittero, encefalopatia e fetor hepaticus. Le complicazioni possono essere: coagulopatia ed emorragia, insufficienza renale, instabilità cardiovascolare, disturbi elettrolitici, sindrome da "distress" respiratorio dell'adulto e sepsi.

In assenza di trapianto di fegato, la mortalità varia dal 25 al 90% .

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina