Inseminazione artificiale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fecondazione artificiale.

L'inseminazione artificiale è un'operazione medica di fecondazione tramite metodi non naturali. È impiegata in caso di sterilità maschile o di ridotta vitalità spermatica. Consiste nell'inserimento di sperma nell'apparato genitale femminile.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

A seconda del partner[modifica | modifica sorgente]

L'inseminazione artificiale si può distinguere in:

  • "Omologa" o intraconiugale (AIH), quando lo sperma utilizzato proviene dal partner della donna, tale pratica è la forma preferita dalle donne fra quelle utilizzate per combattere l'infertilità,[1] i cui risultati non sono costanti.[2] Trattamento di scelta soprattutto in caso di lieve oligoastenospermia,[3] i cui fattori prognostici positivi sono costituiti soprattutto dall'età dei soggetti coinvolti.[4]
  • "Eterologa" o extraconiugale (AID) se lo sperma appartiene ad un donatore (nei casi di sterilità maschile). Vi sono alcune ipotesi in cui diventa la scelta principale come nel caso di malattie che possono essere geneticamente trasmesse dal padre o in caso di azoospermia (mancanza di spermatozoi nel liquido seminale) secretoria, e in ogni caso di infertilità maschile irrecuperabile.[5]

A seconda della sede in cui il liquido seminale viene immesso[modifica | modifica sorgente]

A seconda della sede in cui il liquido seminale viene immesso, si possono distinguere diversi tipi di inseminazione:

  • "Intrauterina", (IUI) se il trapianto di spermatozoi avviene direttamente all'interno dell'utero, attualmente è quella di maggiore scelta,[6] anche per i risultati eseguiti superiori alle altre tecniche,[7] in particolare la tipologia intracervicale.[8] La tecnica è stata utilizzata per la prima volta a Londra alla fine del diciottesimo secolo, viene preferita in presenza di difetti anatomici dei sessi, casi di sterilità con eziologia sconosciuta e quando vi sono particolari anticorpi "antisperma".[9] I risultati sembrano essere migliori combinando tale pratica con la superovulazione.[10]
  • "Intracervicale", (ICI), di indicazione più selettiva delle altre, ovvero da preferire quando si rende impossibile la deposizione del liquido seminale nell'area dei fornici vaginali, (quota di successo 8-12%);[11]
  • "Intraperitoneale", se viene considerata la possibilità che gli spermatozoi sopravvivano nel liquido peritoneale, rendendo condizioni preventive necessarie la normalità delle funzioni del sesso femminile, grazie alle nuove metodiche (lavaggio degli spermatozoi) sono scongiurati i rischi legati al sistema immunitario.[12]
  • "Intratubarica", se lo sperma è immesso nelle tube, ciò viene reso possibile con cateteri e sotto una guida monitorata (attraverso la cura ecografica). Viene preferito quando la tecnica intracervicale ha mostrato continui fallimenti.[13]

La scelta della sede dipende dalla qualità dello sperma utilizzato, in modo da favorirne la penetrazione nella cavità uterina. Per procedere all'inseminazione artificiale, sia la parete uterina che le tube della donna devono essere perfettamente integre.

Rischi[modifica | modifica sorgente]

Fra i rischi correlati a questa pratica si ritrovano aborti [11], malformazioni fetali, gravidanza ectopica e ovulazione multipla[14], mentre l'iperstimolazione ovarica, presente raramente, può essere anche eliminata.[11]

I nascituri che derivano da queste tecniche corrono rischi significativamente maggiori di malformazioni e malattie genetiche [15], scarso peso alla nascita, macrosomia fetale (probabibilmente dovuto a diabete gestazionale della madre), nascita prematura [16], morte nei primi anni di vita [17].

Tecniche[modifica | modifica sorgente]

Inseminazione intracervicale[modifica | modifica sorgente]

L'inseminazione artificiale intracervicale, considerata la tecnica meno invasiva, non ha necessità di alcun trattamento preventivo atto ad aumentare la motilità degli spermatozoi (necessaria per raggiungere e fecondare l'ovocita). Viene però richiesta al soggetto donante un'astinenza sessuale di almeno 4 giorni, onde garantire una quantità di sperma sufficientemente abbondante ed una concentrazione di spermatozoi elevata. Il liquido seminale del donatore, raccolto pochi minuti prima dell'inseminazione (non oltre 20/30) mediante masturbazione manuale e successiva eiaculazione in apposito contenitore sterile, viene suddiviso in due parti: la prima (0,5 ml di liquido seminale intero) viene introdotta attraverso apposito mezzo meccanico sterile (una cannula vaginale o una pompetta urologica simile allo speculum ginecologico, in sostituzione della funzione del pene) lungo il canale cervicale. La seconda e restante parte dello sperma raccolto, più abbondante, viene depositata nella vagina. In tale procedimento, per evitare che lo sperma fuoriesca successivamente dalla vulva, si utilizza spesso una coppetta di plastica che, passate diverse ore dall'applicazione (almeno 4-6) viene rimossa. Esistono altre tecniche ma i risultati sono leggermente inferiori.

Inseminazione intrauterina[modifica | modifica sorgente]

Per quanto riguarda l'inseminazione intrauterina essa si effettua solo dopo un preventivo trattamento sugli spermatozoi del donatore che avviene o tramite lavaggio con sospensione, di facile realizzazione (la cosiddetta swim up)[18] oppure mediante separazione degli spermatozoi su determinati gradienti (i più noti sono quelli di Percoll); immediatamente dopo, quando la donna si trova in posizione ginecologica, attraverso una sonda (denominata di Kremer-Delafontaine) o con un altro dispositivo elettronico (detto di Markler) inseriti nella vagina, si inietta il liquido seminale trattato, direttamente nella cavità uterina, mediante operazione teleguidata su appositi monitor collegati alla strumentazione predetta. In alcuni casi, può essere necessario intervenire con una leggera anestesia locale.

In veterinaria[modifica | modifica sorgente]

L'inseminazione artificiale non riguarda soltanto gli esseri umani ma anche il resto del mondo animale, sia per quanto riguarda gli animali di compagnia come i gatti, (la cui tecnica intrauterina risulta la più efficace) [19] e in quelli da allevamento, come i maiali, per aumentarne la produzione anche prestando molta attenzione alle malattie che si possono trasmettere.[20]

Nel mondo[modifica | modifica sorgente]

L'inseminazione artificiale e in special modo quella extraconiugale ha portato diverse opinioni nei vari paesi del mondo, sia a livello legislativo[21] che religioso:[22]

  • In Israele le tre principali religioni monoteiste mostrano pareri contrastanti con l'inseminazione artificiale da parte di donatori[23]
  • In Cina, sono state introdotte nel 2001 le linee guida per la varie tecniche di fecondazione assistita, fra cui l'inseminazione artificiale eterologa, anche se i primi casi di tale procedura si riscontrano a partire dal 1980,[24] ma la maggioranza della popolazione mostra diffidenza[25]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Herrmann H., Therapy of sterility from the viewpoint of females in Geburtshilfe Frauenheilkd. ., vol. 49, marzo 1989, pp. 243-247.
  2. ^ Livio Zanolo, Barcellona Eliana, Zacchè Gabrio, Ginecologia e ostetricia con tavole di F.H. Netter pag 241, Milano, Elsevier Masson srl, 2007. ISBN 978-88-214-2730-5.
  3. ^ Hughes EG, Collins JP, Garner PR., Homologous artificial insemination for oligoasthenospermia: a randomized controlled study comparing intracervical and intrauterine techniques. in Fertil Steril., vol. 48, agosto 1987, pp. 278-281.
  4. ^ Sailly F, Pagniez I, Gasnault JP., Homologous artificial insemination and male infertility. Study of prognostic factors in Rev Fr Gynecol Obstet., vol. 79, 1984, pp. 123-129.
  5. ^ Marks JL, Marks D, Lipshultz LI., Artificial insemination with donor semen: the necessity of frequent donor screening. in J Urol., vol. 143, 1990, pp. 308-310.
  6. ^ Giuseppe Pescetto, Luigi De Cecco, Domenico Pecorari, Nicola Ragni, Ginecologia e ostetricia seconda ristampa Pag 380, Roma, Società editrice universo, 2004. ISBN 88-87753-49-0.
  7. ^ Le Lannou D., Is the limitation to 6 cycles of insemination with donor sperm justified?] in Gynecol Obstet Fertil., febbraio 2002.
  8. ^ Carroll N, Palmer JR., A comparison of intrauterine versus intracervical insemination in fertile single women in Fertil Steril., vol. 75, aprile 2001, pp. 656-660.
  9. ^ Gastaldi A, Gastaldi C, La clinica ostetrica e Ginecologica, 1996.
  10. ^ Verhulst SM, Cohlen BJ, Hughes E, Te Velde E, Heineman MJ., Intra-uterine insemination for unexplained subfertility.rivista =Cochrane Database Syst Rev., vol. 18, ottobre 2006.
  11. ^ a b c Cambia a seconda dell tipologia: nell'inseminazione intracerviciale eguaglia quella del concepimento normale, più alta di quasi il 15% invece l'inseminazione intrauterina. Vedi Giuseppe Pescetto, Luigi De Cecco, Domenico Pecorari, Nicola Ragni, Ginecologia e ostetricia seconda ristampa Pag 381-382, Roma, Società editrice universo, 2004. ISBN 88-87753-49-0.
  12. ^ Crosignani PG, Intraperitonal insermination in the treatmente of male and unexplained infertility in Fertil. Steril., vol. 55, 1991, p. 333.
  13. ^ De Lauretis L, Ragni G., Le inseminazione sopracervicali:stato dell'arte in CIC edizioni internazionali, 1994.
  14. ^ Alnot MO., 1992 results of sperm donor procreation. French Federation of CECOS and private cooperative centers in Contracept Fertil Sex., vol. 21, maggio 1993, pp. 371-373.
  15. ^ European Journal of Human Genetics - The interface between assisted reproductive technologies and genetics: technical, social, ethical and legal issues
  16. ^ Reproductive outcomes after in-vitr... [Curr Opin Obstet Gynecol. 2007] - PubMed - NCBI
  17. ^ Perinatal outcomes in singletons following in... [Obstet Gynecol. 2004] - PubMed - NCBI
  18. ^ Jameel T., Sperm swim-up: a simple and effective technique of semen processing for intrauterine insemination in J Pak Med Assoc., vol. 58, febbraio 2008, pp. 71-74.
  19. ^ Axnér E., Updates on reproductive physiology, genital diseases and artificial insemination in the domestic cat. in Reprod Domest Anim., vol. 43, luglio 1973, pp. 144-149..
  20. ^ Maes D, Nauwynck H, Rijsselaere T, Mateusen B, Vyt P, de Kruif A, Van Soom A., Diseases in swine transmitted by artificial insemination: An overview. in Theriogenology., luglio 2008.
  21. ^ Ciccarelli JK, Ciccarelli JC., The legal aspects of parental rights in assisted reproductive technology. in J Soc Issues., vol. 61, 2005, pp. 127-137.
  22. ^ Hogerzeil HV, Knijn T, Mol BW., Socio-economic characteristics of artificial insemination donor (AID) couples compared with matched population controls. in Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol., vol. 64, 1996, pp. 111-114..
  23. ^ Mor-Yosef S, Schenker JG., Sperm donation in Israel in Hum Reprod., vol. 10, 1973, pp. 965-967.
  24. ^ Lu J, Tan Z, Don H, et al. [Evaluating summarize on artificial reproductive technique in China.] (in Chinese). Chin J Hosp Admin 2002;18:577–8.
  25. ^ Chao K, Qiu S, Huan M. [Morality of Life, 2nd edn.] (in Chinese) Shanghai:Shang-hai Medicinal University Press, 1998:157–8

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giuseppe Pescetto, Luigi De Cecco, Domenico Pecorari, Nicola Ragni, Ginecologia e ostetricia seconda ristampa, Roma, Società editrice universo, 2004. ISBN 88-87753-49-0.
  • Livio Zanolo, Barcellona Eliana, Zacchè Gabrio, Ginecologia e ostetricia con tavole di F.H. Netter, Milano, Elsevier Masson srl, 2007. ISBN 978-88-214-2730-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina