Innokentij Fëdorovič Annenskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Innokentij Fëdorovič Annenskij

Innokentij Fëdorovič Annenskij in russo: Иннокентий Фёдорович Анненский? (Omsk, 1856Pietroburgo, 1909) è stato un poeta, traduttore e critico letterario russo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Orfano, fu allevato dal fratello Nikolaj, celebre economista e giornalista.

Nel 1879 finì gli studi classici a Pietroburgo e si trasferì a Kiev dove tra il 1890 ed il 1893 insegnò lingue antiche e russo.

Nel 1896 fu nominato direttore di un liceo a Tsarskoe Selo.

Morì a 53 anni per una crisi cardiaca.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Scrisse le raccolte di poesie Canti sommessi, 1904, Il cofano di cipresso, 1910 e Versi postumi, 1923, da cui traspare una profonda insofferenza per la condizione umana, i drammi Melanippa folosofo, 1901, Laodamia, 1907 e Tamira il citaredo, 1913, e i saggi critici Il libro dei riflessi, 1906 e Il secondo libro dei riflessi 1909.

Curò anche la traduzione delle tragedie di Euripide, le poesie di Orazio, e dei simbolisti francesi, come Charles Baudelaire, Leconte de Lisle, Paul Verlaine, Sully Prudhomme, Arthur Rimbaud e Stéphane Mallarmé.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54157581 LCCN: n80116864

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie