Inno nazionale della Mauritania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

le parole dell'inno nazionale della Mauritania (in arabo: نشيد وطني موريتاني) sono tratti da una poesia del 19 secolo di Baba Ould Cheikh, la melodia è stata scritta da Tolia Nikiprowetzky, ed è stata adottata dopo l'indipendenza nel 1960. Il ritmo insolito e molto complesso dell'inno rende estremamente difficile da cantare [senza fonte]. Per questo motivo, l'inno è spesso (ma erroneamente) indicato come senza parole [senza fonte].

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Ecco il testo sia in arabo sia in italiano.

Arabic Traduzione in Italiano
كن للاله ناصرا وأنكر المناكرا
وكن مع الحق الذي يرضاك منك دائرا
ولا تعد نافعا سواه أو ضائرا
واسلك سبيل المصطفى ومت عليه سائرا
وكن لقوم احدثوا في أمره مهاجرا
قد موهوا بشبه واعتذروا معاذرا
وزعموا مزاعما وسودوا دفاترا
واحتنكوا أهل الفلا واحتنكوا الحواضرا
وأورثت أكابر بدعتها أصاغرا
وإن دعا مجادل في أمرهم إلى مرا
فلا تمار فيهم إلا مراء ظاهرا
Essere un aiuto di Dio, e censurare ciò che è proibito,
E sua volta con la legge che, che Egli vuole che tu segui,
Tenere a nessuno di essere utili o dannose, se non per Lui,
E percorrere la via di quella scelta, e morire mentre si è su di essa!
Per ciò che era sufficiente per il primo di noi, è sufficiente per l'ultima, anche.
E lasciate quelle persone che fanno cose cattive rispetto al Signore.
Lo travisato facendolo simile, e in ogni genere di scuse.
Hanno fatto affermazioni audaci, e hanno sporcato tanti libri.
Hanno lasciato i nomadi e le persone sedentarie, entrambi fanno amare esperienze,
E i grandi peccati del loro [dottrinale] innovazioni eredità di piccole dimensioni.
E solo nel caso in cui disputanti, vi chiama a controversia sulle loro rivendicazioni,
Non, quindi, disputa su di loro, se non per via di una controversia esterno.