Inno dei Marines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'inno dei marines è l'inno ufficiale del corpo dei marines. È il più antico inno militare delle forze armate statunitensi[1]. Il testo risale al XIX secolo, ma ne è ignoto l'autore. La musica è tratta dal Gendarmes' Duet dell'opera Geneviève de Brabant di Jacques Offenbach, debuttata a Parigi nel 1859. Il Corpo dei Marines ne aveva registrato il copyright il 19 agosto 1919, ma ora è di pubblico dominio.

Il verso iniziale si riferisce alla battaglia di Chapultepec (settembre 1847, Guerra messicano-statunitense) ed alla battaglia di Derna (aprile-maggio 1805, prima guerra barbaresca).

Testo originale[modifica | modifica sorgente]

Aiuto
Inno dei Marines (info file)
Versione stumentale di un singolo verso eseguita dalla banda dei Marine.
From the Halls of Montezuma,
To the shores of Tripoli;
We fight our country's battles
In the air, on land, and sea;
First to fight for right and freedom
And to keep our honor clean;
We are proud to claim the title
Of United States Marine.
Our flag's unfurled to every breeze
From dawn to setting sun;
We have fought in every clime and place
Where we could take a gun;
In the snow of far-off Northern lands
And in sunny tropic scenes;
You will find us always on the job
The United States Marines.
Here's health to you and to our Corps
Which we are proud to serve;
In many a strife we've fought for life
And never lost our nerve;
If the Army and the Navy
Ever look on Heaven’s scenes;
They will find the streets are guarded
By United States Marines.

Traduzione italiana[2][modifica | modifica sorgente]

Dalle sale di Montezuma
Alle spiagge di Tripoli
Combattiam le patrie guerre
In terra, mare e ciel
All'agon del giusto e libero
Per tener netto l'onor
Fieri siam di vantar titolo
Di United States Marines

Ad ogni vento qual bandiera
Dall'alba a quando cala il sol
Combattemmo in ogni clima e suol
Dove armi potem tener
Nelle nivee terre al Polo Nord
Come al tropico avvampar
Sempre troverai al lor compito
Gli United States Marines

Salve a te ed al nostro Corpo
Che ci onoriam servir
Arrischiammo ognor la vita
E giammai il cor tremò
Se Esercito o Marina
Guardassero affreschi del paradiso
Troveranno le strade vigilate
Dagli United States Marines

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito "Marineband"
  2. ^ Per questa traduzione, pur mantenendo la valenza semantica della fonte, si è concessa qualche piccola licenza poetica al fine di mantenere un minimo di equivalenza metrica (potrebbe essere cantato in italiano passabilmente).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]