Ingrid Elofsdotter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beata Ingrid Elofsdotter
Nascita XIII secolo
Morte 1282
Venerata da Chiesa cattolica
Ricorrenza 2 settembre[1][2][3]

Ingrid Elofsdotter (o Elovsdotter), chiamata anche Ingrid di Svezia o Ingrid di Skänninge, (Skänninge, XIII secolo[1]Skänninge, 2 settembre 1282[1][3]) è stata una religiosa svedese.

Le rovine del monastero di santa Ingrid a Skänninge.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ingrid visse nel XIII secolo nell'Östergötland, a Skänninge. Rimasta vedova, effettuò un pellegrinaggio in Terra santa (e da lì a Roma e quindi a Santiago di Compostela) con sua sorella e altre donne nella speranza della fondazione di un convento a Skänninge[3]. Ciò avvenne grazie all'interessamento di Pietro di Dacia, un sacerdote domenicano di cui Ingrid divenne seguace[1][2][3]; si fece così suora domenicana lei stessa, la prima in Svezia, e fondò il 15 agosto 1281 il convento dominicano di san Martino a Skänninge, il primo del paese[1][2]. Ciò avvenne inoltre alla presenza di re Magnus III di Svezia[3].

Divenne priora del convento e morì un anno dopo, per cause naturali[1][2][3]; alcuni acconti riportano che, alla morte, era circondata da un'"aura di santità"[2].

Culto[modifica | modifica wikitesto]

La venerazione popolare cominciò subito dopo la sua morte, e si riportano dei miracoli avvenuti presso la sua tomba[1] o tramite la sua intercessione[2]. Un processo di canonizzazione venne iniziato nel 1405 e il vescovo di Linköping Canuto Bosson portò la sua causa al Concilio di Costanza[2][3]; un'inchiesta venne aperta fra il 1416 e il 1417, ma non diede risultati[2], e il processo si arenò nel 1448[3]. La causa venne riattivata nel 1497 e le reliquie vennero traslate solennamente nel 1507 su ordine di Papa Alessandro VI e alla presenza del re e di tutti i vescovi della Svezia, ma la canonizzazione ufficiale non sembra essere mai avvenuta[1][2][3].

Sia le reliquie che il convento fondato dalla santa furono distrutti durante la Riforma protestante, dopo la quale il suo culto cessò[1][2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Saint Ingrid of Sweden, Saints.SQPN.com. URL consultato il 06-12-2011.
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) St. Ingrid of Sweden, Catholic Online. URL consultato il 06-12-2011.
  3. ^ a b c d e f g h i Beata Ingrid Elofsdotter di Skanninge (di Svezia), Santi, beati e testimoni. URL consultato il 06-12-2011.