Ingonda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la regina dei visigoti, vedi Ingunda (regina visigota).

Ingonda o Ingonde (... – ...) fu regina dei Franchi Sali d'Austrasia del nord e della Guascogna dal 532 alla sua morte, quale moglie del merovingio Clotario I.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il vescovo Gregorio di Tours (536597), Ingonda, di cui non si conoscono gli ascendenti, era una delle mogli di Clotario I[1]. Il matrimonio avvenne dopo che Clotario aveva ripudiato la moglie precedente, Radegonda, nel corso della quarta decade del VI secolo, dopo la conquista della Turingia[2].
Secondo lo storico francese Christian Settipani, esperto di genealogie[3] Ingonda era già l'amante di Clotario da diversi anni, prima del matrimonio.

Poco tempo dopo, essendo Ingonda ancora viva, Clotario prese come moglie anche la sorella di Ingonda, Aregonda[1]. A detta di Gregorio di Tours, Ingonda aveva chiesto al re suo marito di trovare un buon partito per la sorella; essendo Clotario alquanto libidinoso fu attratto dalla sorella di Ingunda, Aregonda e la sposò. Tornando poi dalla moglie le disse:<Non ho trovato nessuno meglio di me>.
Così Clotario convisse con le due sorelle entrambe sue mogli.

Di Ingonda non si conosce l'anno della morte.

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Ingonda a Clotario I diede sei figli[1]:

  • Guntario (ca. 517-dopo il 532), che, in quest'ultima data, partecipò ad un attacco alla Settimania[4]. Alla nascita era illegittimo
  • Childerico (?-prima del 561), che morì prima del padre[1]. Alla nascita era illegittimo
  • Cariberto (ca. 520- 567), re dei Franchi. Alla nascita era illegittimo
  • Gontrano (ca. 534- 592), re dei Franchi
  • Sigeberto (ca. 535- 575), re dei Franchi
  • Clodesinde (?-prima del 567), che divenne regina dei Longobardi, dal 560 circa alla sua morte, in quanto moglie di Alboino[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Gregorio di Tours, Historia Francorum, IV, 3
  2. ^ Gregorio di Tours, Historia Francorum, III, 7
  3. ^ Settipani (1993), p. 70
  4. ^ Gregorio di Tours, Historia Francorum, III#21

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]