Inge II di Norvegia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Inge II di Norvegia (118523 aprile 1217) fu re di Norvegia dal 1204 al 1217.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era figlio di Bård Guttormsson, uno dei primi sostenitori del re Sverre I di Norvegia, e di Cecilia, figlia di Magnus V di Norvegia.

Dopo la morte di Sverre I nel 1202, di suo figlio Haakon e di suo nipote Guttorm, la fazione Birkebeiner e il trono di Norvegia erano rimasti senza capi e senza eredi.

La fazione Bagler, avversaria di Birkebeiner, stava sfruttando la situazione per lanciare una nuova invasione di Viken sotto il loro re Erling Steinvegg.

Dopo la morte del re bambino Guttorm nell'agosto del 1204, il birkebeiner necessitava di un leader forte per opporsi alla minaccia Bagler.

I capi birkebeiner proposero il conte Haakon il pazzo, che era stato precedentemente nominato reggente per Guttorm. Tuttavia Eirik, arcivescovo di Nidaros, ed i contadini di Trøndelag insistettero per Inge, che aveva fino ad allora governato Trøndelag sotto il regno di Guttorm.

Venne raggiunto un compromesso: Inge divenne re, mentre il conte Haakon divenne il capo dell'esercito ricevendo la metà del reddito reale.

I successivi quattro anni videro intensi combattimenti tra birkebeiner e Bagler.

Il re Bagler Erling morì nel 1206 ma la Bagler continuò la lotta sotto il loro nuovo re, Filippo Simonsson.

La Bagler controllava la zona di Viken, Tønsberg e Oslo, Inge Trøndelag e Nidaros, mentre Bergen nella Norvegia occidentale cambiò di mano più volte.

Il 22 aprile 1206 i Baglers attaccarono Nidaros durante le celebrazioni di nozze per Sigrid, la sorella di Inge.

Inge fuggì a nuoto nel fiume Nidelva a temperature di congelamento.

L'anno successivo il birkebeiner lanciò un attacco alla fortezza Bagler di Tønsberg e la guerra si trascinò con nessuna delle due parti in grado di ottenere una vittoria decisiva.

Nell'autunno del 1207, Tore, arcivescovo di Nidaros, e Nikolas, vescovo di Oslo, iniziarono i negoziati per una soluzione della controversia tra i due partiti.

Riuscirono a far incontrare re Inge, Filippo e Haakon (fratello di Inge) a Kvitsøy nell'autunno del 1208. Venne siglato un patto in base al quale Filippo rinunciava al titolo di sovrano rimanendo sotto il suo controllo la Norvegia orientale col titolo di conte. Haakon, fratello di Inge, ebbe invece il controllo di Kvitsøy. Per sigillare il trattato, la figlia di Filippo sposò il re e il cugino del re Kristina Sverresdotter, figlia di Sverre I.

Filippo non rispettò il trattato, continuando a usare il titolo di re e mantenendo il sigillo reale.

Il rapporto tra Inge e suo fratello Haakon a volte fu teso. Quando divenne chiaro che Filippo continuava a considerarsi re, Haakon tentò di farsi re anche lui. Inge allora stabilì un accordo col fratello in base al quale il fratello che fosse sopravvissuto avrebbe acquisito i territori dell'altro. A succedere sarebbe stato il primo figlio legittimo.

Haakon ebbe un figlio legittimo mentre Inge aveva solo un figlio naturale, Guttorm (n. 1206), nato da una concubina chiamata Gyrid.

Un conflitto aperto tra i due fratelli non scoppiò mai. Haakon morì per cause naturali a Bergen, subito dopo Natale del 1214. Inge assunse così la sua parte di regno.

Nel 1217 Inge si ammalò a Nidaros. Durante la sua malattia, nominò il suo giovane fratellastro, Skule Bårdsson, Conte e capo dell'esercito. Il 23 aprile 1217 Inge morì. Fu sepolto nella Cattedrale di Trondheim.

Gli successe come re Haakon Haakonsson, un nipote illegittimo di re Sverre.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Byron J. Nordstrom Dictionary of Scandinavian History, Londres 1986 ISBN 0-313-22887-6 p. 290-291.
  • (EN) Knut Gjerset History of the Norwegian People The Macmillan Company New york 1915, « King Sverre's Immediate Successors ».
Predecessore Re di Norvegia Successore
Guttorm 1204-1217 Haakon IV