Informatica umanistica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Informatica umanistica, in inglese Humanities Computing o Digital Humanities, è un campo di studi, ricerca, insegnamento che nasce dall'unione di discipline umanistiche e informatiche. Comprende ricerca, analisi e divulgazione della conoscenza attraverso i media informatici. Oltre ad avere una solida formazione umanistica, chi studia Informatica Umanistica sa trattare contenuti culturali con gli strumenti informatici appropriati.

Data la caratteristica di interdisciplinarità dell'informatica umanistica, fra gli esperti del settore sono compresi ricercatori e docenti delle discipline umanistiche (storia, filosofia, linguistica, letteratura, arte) e di linguistica computazionale, specialisti e studiosi di editoria elettronica, produzione multimediale, grafica e analisi di dati.

Obiettivi[modifica | modifica sorgente]

L'obiettivo di molti ricercatori nell'informatica umanistica è quello di integrare la tecnologia nelle proprie attività didattiche.

Molti ricercatori concordano con gli argomenti di Roberto Busa: il primo effetto dell'informatica non sarebbe quello di velocizzare la ricerca nel settore umanistico, ma quello di fornire nuovi approcci e nuovi paradigmi per affrontare gli storici problemi negli studi umanistici. Un altro effetto è aiutare la ricerca sintattica e sintagmatica della lingua italiana in aiuto ad aziende attente all'uso della lingua italiana.

Università[modifica | modifica sorgente]

Attualmente le università italiane che propongono un corso di laurea in Informatica Umanistica sono l'Università di Pisa e l'Università di Genova - Campus di Savona. La facoltà di Lettere e Filosofia dell'università di Roma Tor Vergata, invece, offre una laurea similare, ovvero: "Lingue nella Società dell'Informazione" che impronta il percorso formativo su una conoscenza di almeno due lingue straniere e l'utilizzo di queste negli ambienti d'informazione multimediale, in particolare del Web. Altri atenei italiani presentano un insegnamento di Informatica Umanistica nel piano di studi, come l'Università di Bologna, che ha attivato l'insegnamento per svariati corsi di laurea della Facoltà di Lettere, o l'Università La Sapienza di Roma e l'Università di Trento. Presso l'Università di Pisa è attivo un forum interattivo (chiamato moodle) dove è possibile partecipare alle discussioni tenute dai professori e per alcuni corsi è anche possibile svolgere prove in itinere interamente online. La Facoltà di Filosofia dell'Università di Siena, sede di Arezzo, ha dal 2000 gli insegnamenti (a contratto) di Informatica Umanistica e Filosofia della Comunicazione. La Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Verona, nell'anno accademico 2008-2009, ha attivato l'insegnamento (a contratto) di Informatica Umanistica, presso questa facoltà è attivo dal 2005 un Laboratorio di Informatica Umanistica che ricerca negli ambiti della digitalizzazione, codifica e marcatura delle risorse testuali e dello sviluppo di modelli per l'analisi computazionale dei testi letterari. Dal 2008 è attivo un "Master Universitario in Informatica per la Comunicazione" presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, che raccoglie l'eredità della pluriennale esperienza della laurea specialistica in "Informatica per le Discipline Umanistiche", attivata dal 2003 al 2007. Dal 2009 anche l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" offre l'insegnamento di questa materia. Dall'anno accademico 2009/2010 è attiva la disciplina Informatica Umanistica all'interno del corso di Laurea Magistrale in "Traduzione e Mediazione Culturale" della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell'Università di Udine e dall'anno accademico 2010/2011 all'interno del corso di Laurea Magistrale in "Lingue Moderne e Traduzione per le Relazioni Internazionali" della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Palermo.


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]