Indice cardiaco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'indice cardiaco è un parametro emodinamico cardiovascolare che si ottiene dividendo la gittata cardiaca per l'area della superficie corporea al fine di correggere il valore di portata per il peso e la statura dei singoli soggetti (IC = Q / S).[1] Il valore si esprime in litri al minuto per metro quadro (l/min/m2).

Calcolo dell'indice cardiaco[modifica | modifica sorgente]

L'indice si calcola con la seguente formula:

IC = \frac{GC}{BSA} = \frac{VS*FC}{BSA}

dove

CI=indice cardiaco
BSA=Body surface area (superficie corporea)
VS=Volume sistolico
FC=Frequenza cardiaca
GC=Gittata cardiaca

Significato clinico[modifica | modifica sorgente]

I valori di riferimento sono compresi tra 2,6 e 4,2 L/min per metro quadro.

Questo parametro è spesso utilizzato in terapia intensiva per valutare complessivamente la funzione cardiaca, poiché mette in correlazione il volume di sangue pompato dal cuore con la superficie corporea dell'individuo.

Un valore inferiore a 1.8 L/min/m² può essere indice di shock cardiogeno.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cardiac Catheterization: Cardiovascular Tests and Procedures: Merck Manual Professional. URL consultato il 6 marzo 2009.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina