Indennizzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In generale l'indennizzo è il pagamento dovuto ad un soggetto per un pregiudizio da lui subìto che, però, non consegue ad un atto illecito e, quindi, a responsabilità civile. In ciò l'indennizzo si differenzia dal risarcimento, che è invece dovuto per un danno, ossia un pregiudizio conseguente ad atto illecito e come tale fonte di responsabilità civile. Per questo motivo la situazione di chi è tenuto all'indennizzo è talvolta denominata responsabilità da atto lecito, sebbene l'uso del termine "responsabilità", tradizionalmente associata al concetto di illecito, sia in questo caso poco appropriato.

Mentre l'obbligo di risarcimento dei danni cagionati da atto illecito è previsto da una norma generale (nell'ordinamento italiano l'art. 1218 del codice civile per la responsabilità contrattuale e l'art. 2043 per quella extracontrattuale), non esiste una norma generale che preveda l'obbligo di indennizzo per pregiudizi da atto lecito, perché gli atti leciti sono, per definizione, consentiti dall'ordinamento e, come tali, non possono dare luogo a sanzione a carico di chi li compie. Nondimeno, in alcuni casi l'ordinamento, per motivi di equità, ritiene che chi ha compiuto l'atto, pur lecito, debba farsi carico di una parte delle conseguenze negative che dallo stesso sono sorte a danno di altri, addossandogli l'obbligo di indennizzo.

L'esempio più significativo di indennizzo è quello previsto in caso di espropriazione per pubblica utilità: la perdita della proprietà che deriva dal provvedimento espropriativo è di per sé lecita ma chi beneficia dell'espropriazione (di solito, ma non necessariamente, una pubblica amministrazione) deve indennizzare il proprietario espropriato per il sacrificio del suo diritto. Nel nostro ordinamento tale diritto dell'espropriato è riconosciuto a livello costituzionale (art. 42).

diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto