Incubo (sogno)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'incubo è un tipo di sogno che si presenta in modo angosciante e a volte è accompagnato da una sensazione di oppressione al petto e/o da difficoltà respiratorie. È a tutti gli effetti un disturbo del sonno ed è considerato una parasomnia relativa al sonno REM.

Gli incubi si mostrano con rapidi movimenti oculari (REM significa, appunto, "Rapid Eye Movement"), senza altri movimenti del soggetto. Eventuali movimenti involontari del corpo possono svegliare il dormiente, interrompendo così la sensazione di paura insita negli incubi. L'individuo svegliatosi da incubo tende a non riaddormentarsi, temendo, più o meno inconsciamente, di rivivere la brutta esperienza.

Gli incubi sono più frequenti tra i 4 e i 12 anni di età, tendendo poi a diminuire con l'età.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Fino al XVIII secolo, gli incubi erano considerati causati da stregonerie con le creature malefiche che si appoggiavano al petto del dormiente. Il termine infatti deriva da "incubare", atto che richiama l'immagine dello spirito maligno che cova sul petto del dormiente.[1] Tra il XIX e il XX secolo, invece, si tendeva a dare la colpa alla cattiva digestione.

Oggi sappiamo che essi sono provocati da agenti fisiologici, come febbre alta, oppure psicologici, come ansia e stress.

L'incubo nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

L'incubo è largamente usato come filo conduttore di molti film, libri e nella musica.

Arte
Cinema
Musica

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Etimologia di "incubo" su etimo.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]