Incidente ferroviario della stazione di Parigi Montparnasse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo spettacolare incidente del 1895
Altra foto dell'incidente

Coordinate: 48°50′36.49″N 2°19′24.9″E / 48.84347°N 2.323582°E48.84347; 2.323582

L'incidente ferroviario della stazione Montparnasse fu un incidente avvenuto il 22 ottobre 1895 alla stazione di Parigi Montparnasse.

Le circostanze[modifica | modifica sorgente]

Il treno espresso 56 proveniente da Granville, con 131 passeggeri a bordo, era condotto dalla locomotiva numero 721 del tipo 120 ed era manovrato da Guillaume Marie Pellerin, un macchinista al servizio delle ferrovie francesi da più di diciannove anni.

Il convoglio era composto da due vagoni per bagagli e un vagone postale, che si trovavano immediatamente dietro la locomotiva, poi da otto vagoni passeggeri ed un ultimo vagone bagagli in coda al treno. Il convoglio era partito con un ritardo di nove minuti, sicché il macchinista, volendo comunque arrivare in orario a Montparnasse, lanciò il treno a tutta velocità. Per questo motivo, allorché giunse in stazione, il treno non riuscì a frenare. Il capotreno Albert Mariette azionò il freno d'emergenza Westinghouse, ma non funzionò. Non restavano che i freni della locomotiva, ma furono insufficienti. Alle ore 16:00 il convoglio ruppe i respingenti, attraversò la stazione, sfondò il muro di facciata e cadde sulla fermata dei tram posta dieci metri più in basso. Tutti i vagoni rimasero all'interno della stazione. Non vi fu alcuna vittima tra i passeggeri[1].

Conseguenze dell'incidente[modifica | modifica sorgente]

La locomotiva cadde vicino ad un'edicola posta vicino alla stazione, in rue de Rennes: una passante fu ferita e Marie-Augustine Aguilard, che quel giorno sostituiva suo marito all'edicola, fu uccisa, non dalla locomotiva che passò sopra di lei senza colpirla, ma da un pezzo di muratura caduto dalla stazione[2].

Il funerale della donna fu pagato dalla compagnia ferroviaria ed ai suoi due figli fu corrisposta una rendita. Il macchinista fu condannato a due mesi di prigione e 50 franchi d'ammenda mentre il capotreno a soli 25 franchi d'ammenda.

La locomotiva restò quasi intatta; rimase quattro giorni sospesa prima che si riuscisse a disincastrarla.

L'incidente rimane uno dei più spettacolari nella storia delle ferrovie francesi.

Nelle opere di fantasia[modifica | modifica sorgente]

L'immagine dell'incidente del treno viene usata come copertina dell'album Lean into It dei Mr. Big del 1991.

Una versione romanzata dell'incidente è presente nel film Hugo Cabret del 2011 diretto da Martin Scorsese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le petit journal, supplément illustré, n° 259 du 3/11/1895
  2. ^ Settimanale L'Illustration numero 2748 del 26/10/1895.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Catastrofi Portale Catastrofi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Catastrofi