Inchon (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Inchon
Titolo originale Inchon
Paese di produzione Regno Unito, Corea del Sud
Anno 1981
Durata 140
Colore colore
Audio sonoro
Genere bellico, drammatico, storico
Regia Terence Young
Soggetto Laird Koenig, Robin Moore, Paul Savage
Sceneggiatura Laird Koenig, Robin Moore, Paul Savage
Produttore Sun Myung Moon, Sidney Beckerman
Fotografia Saito-San
Montaggio John W. Holmes, Dallas Puett, Michael J. Sheridan, Peter Taylor
Effetti speciali Fred Cramer
Musiche Jerry Goldsmith
Scenografia Pier Luigi Basile
Interpreti e personaggi
Premi

Inchon è un film del 1981 diretto da Terence Young.

È un film di guerra, di produzione anglo/coreana, ed interpretato da Laurence Olivier nelle vesti del generale Douglas MacArthur. Il film, mai uscito in Italia, era stato ideato come veicolo di propaganda anticinese ed anticomunista da parte dell'entourage del bizzarro "santone" sudcoreano Reverendo Moon, noto in Italia per avere "sponsorizzato" le nozze del Vescovo-esorcista Emmanuel Milingo con una donna coreana.

Moon gode negli USA di un folto seguito specialmente negli ambienti della destra più reazionaria (è proprietario attraverso le fondazioni della sua Chiesa dell'Unificazione anche del quotidiano Washington Times) e sperava tramite la produzione di un kolossal cinematografico di aumentare ulteriormente la sua influenza. Il film, però, soffrì di una lavorazione difficilissima caratterizzata da continui ritardi e aumenti di costo dovuti alla cattiva leadership (visto che Moon insisteva per affidare ruoli-chiave nella produzione a suoi "fedelissimi" che nulla capivano di cinema).

Alla sua première, Moon fece distribuire biglietti-omaggio a decine di congressisti e senatori americani ma essa fu disturbata da picchetti di manifestanti che protestavano contro Moon e la sua setta e solo pochi politici ebbero il coraggio di presenziare alla proiezione correndo il rischio di venire associati al santone. Il film venne poi proiettato privatamente alla Casa Bianca dove l'ex-attore allora presidente Ronald Reagan disse di averlo trovato "brutale ma divertente". La pellicola venne poi presentata fuori concorso alla 35esima Mostra del Cinema di Cannes dove i produttori spesero centinaia di migliaia di dollari in un enorme battage pubblicitario che si rivelò inutile visto che nessuna casa di distribuzione si rivelò interessata a rilevarlo. È universalmente ricordato come un "flop" colossale.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1950 gli Stati Uniti d'America, con un contingente che operava sotto il mandato delle Nazioni Unite e che comprendeva reparti di altri Paesi occidentali, fronteggiarono l'avanzata verso sud delle truppe nordcoreane. L'invasione era avallata dal tacito assenso di Unione Sovietica e Cina. Il 25 giugno l'esercito del sud veniva sbaragliato, mentre il contingente americano copriva l'evacuazione dei suoi cittadini dal porto di Inchon, nei pressi di Seul: il generale MacArthur dovette quindi affrontare delle difficili scelte.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

« People ask me why I'm playing in this picture. The answer is simple. Money, dear boy. »
(Sir Laurence Olivier)

Il film si è aggiudicato ben 4 Razzie Awards nel 1982:

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema