Inarizushi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Inarizushi
Inarizushi - dec - 2009.jpg
Origini
Luogo d'origine Giappone Giappone
Dettagli
Categoria piatto unico
Ingredienti principali Template:Riso
Varianti
  • Fukusa-zushi
  • Chakin-zushi
 
Inarizushi

L'Inarizushi (稲荷寿司?) è una forma di sushi particolare in cui non è presente pesce crudo. Esso è infatti composto da polpette di riso rivestite di tofu fritto (aburaage).[1][2]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Le prime tracce storiche di tale pietanza le si ritrovano al Periodo Edo.

Preparazione[modifica | modifica sorgente]

Solitamente viene fatto a pezzi del tofu in piccole strisce, poi il tutto fritto più volte arrivando ad una temperatura elevata, il prodotto così ottenuto (chiamato aburaage) viene usato per farcire il sushi.[3]

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Esistono alcune varianti a seconda del luogo di preparazione del cibo:

  • Fukusa-zushi (帛紗寿司)
  • Chakin-zushi (茶巾寿司), che ricordano di più un'omelette

Non deve essere confuso con l'inari maki, che si tratta di un panino imbottito che ha il sapore di tofu fritto.

Tale pietanza è diffusa in una versione molto diversa anche nelle Hawaii, dove è molto grande e più dolce, anche gli ingredienti sono diversi in quanto essa contiene anche dei pezzi di carota, il suo nome è cone sushi.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome di tale piatto è dovuto alla divinità della mitologia giapponese Inari, in quanto prediligeva il sapore del tofu fritto.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Kimiko Barber, Hiroki Takemura, Sushi: Taste & technique, Dorling Kindersley Ltd, 2011, pp. 150-159, ISBN 1405360003.
  2. ^ (EN) Flip Shelton, Veg in: Simple Vegetarian Dishes from Around the World, Wakefield Press, 2011, pp. 50-51, ISBN 1862549125.
  3. ^ Ricetta come preparare Inarizushi in ilbento.it. URL consultato il 26/5/2014.
  4. ^ (EN) Japanese Religions and Material Culture: Oage and Inarizushi in japanesereligions.blogspot.it. URL consultato il 26/5/2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]