In the Presence of Nothing

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In the Presence of Nothing
Artista Lilys
Tipo album Studio
Pubblicazione 1992
Durata min : s
Dischi 1
Tracce 10
Genere Shoegaze
Etichetta Slumberland/SpinART
Lilys - cronologia
Album precedente

In the Presence of Nothing (1992) è il primo album della band statunitense Lilys del musicista Kurt Heasley.

Il titolo dell'album è un riferimento ai Velvet Crush, che avevano pubblicato l'anno precedente un album dal titolo In The Presence of Greatness.[1]

La registrazione dei brani fu effettuata da Heasley con il supporto di membri dei gruppi musicali Velocity Girl, The Ropers e Suddenly, Tammy!. L'influenza dei primi My Bloody Valentine nel suono del gruppo è evidente, tanto da spingere il critico Jason Ankeny su Allmusic a considerare quest'album "il seguito di Loveless che i My Bloody Valentine non hanno mai fatto".[2]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. There's No Such Thing as Black Orchids (Lilys) - 5:14
  2. Elizabeth Colour Wheel (Lilys) - 6:58
  3. Collider (Lilys) - 4:20
  4. Tone Bender (Lilys) - 3:16
  5. Periscope (Lilys) - 5:14
  6. It Does Nothing for Me (Lilys) - 4:08
  7. Snowblinder (Lilys) - 4:34
  8. The Way Snowflakes Fall (Lilys) - 12:09
  9. Threw a Day (Lilys)
  10. Claire Hates Me (Lilys) - 3:44

Formazione[modifica | modifica sorgente]

  • Kurt Heasley - chitarre, voce
  • Archie Moore - chitarre
  • Harold "Bear" Evans - batteria
  • Mike Hammel - batteria
  • Ken Heitmueller - cori
  • Beth Sorrentino - cori
  • Jay Sorrentino - cori

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wolk, Douglas "Lilys", Trouser Press, visitato 24 dicembre 2009
  2. ^ Ankeny, Jason "Recensione di In The Presence of Nothing", su Allmusic, visitato il 24 dicembre 2009
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock