In nome dell'amore (saggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In nome dell'amore
Autore Melissa Panarello
1ª ed. originale 2006
Genere Saggio
Lingua originale italiano
Ambientazione Italia, 2006
Protagonisti Melissa

In nome dell'amore è un saggio di Melissa Panarello, nota come Melissa P., uscito nell'aprile 2006.

Si presenta sotto forma di lettera aperta al cardinale Camillo Ruini in cui la Panarello esprime il suo pensiero in sostegno della laicità e risponde all'ingerenza della Chiesa cattolica nelle scelte private, rivendicando la parità dei diritti delle coppie di fatto, delle persone non sposate e dei propri figli, di omosessuali, il diritto all'aborto.

Il testo è suddiviso in capitoli correlati in cui s’è scelto di parlare di peccato, di verginità, di matrimonio, d’aborto, d’omosessualità, di discriminazione sessuale; e soprattutto della continua ingerenza della Chiesa cattolica al fine di sostituire il suo mondo parallelo, come lo apostrofa Melissa P., a quello reale imponendogli regole, condizioni e pregiudizi che sono per lo più innaturali e vessatori.

Con il libro l'autrice non ha voluto difendere solamente l’amore dagli attacchi di un cardinale, ma soprattutto "l’autodeterminazione, la libertà individuale, la possibilità di rinunciare a seguire dogmi ingiusti, pretenziosi e spesso arroganti."[1]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione di Calogero Martorana da L'Ateo, n. 6/2006, p. 35