In Your Room (Depeche Mode)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In Your Room
Artista Depeche Mode
Tipo album Singolo
Pubblicazione 10 gennaio 1994
Durata 4 min : 52 s
Album di provenienza Songs of Faith and Devotion
Dischi 1
Tracce 4
Genere Rock elettronico
Etichetta Mute Records
Produttore Flood e Depeche Mode
Depeche Mode - cronologia
Singolo precedente
(1993)
Singolo successivo
(1997)

In Your Room è un singolo del gruppo musicale Depeche Mode, il quarto ed ultimo estratto dall'ottavo album in studio Songs of Faith and Devotion; venne pubblicato il 10 gennaio 1994.

Appare nelle raccolte The Singles 86-98 e The Remixes 81-04 (in versione remixata)

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip (il cui audio utilizzato è la versione creata da Zephyr) è diretto da uno dei registi storici del gruppo, Anton Corbijn.[1] La scenografia principale consiste in un pesante tendaggio rosso e in una lampadina sempre in primo piano (anche nelle scene in esterni), la fotografia utilizza colori solarizzati negli interni e il bianco e nero negli esterni, la sceneggiatura contiene sei riferimenti ad altrettanti video del gruppo diretti dallo stesso Corbijn: "Strangelove" (una modella posa in biancheria intima), "I Feel You" (una donna vestita dello stesso completo a righe indossato da Dave Gahan), "Walking in My Shoes" (il costume da uccello), "Halo" (i personaggi truccati da clown), "Enjoy the Silence" (l'abito da re con la sedia a sdraio), "Personal Jesus" (i cappelli da cowboy) e "Condemnation" (il vestito bianco con i nastri). La donna che appare nelle scene parzialmente vestita è Alexandra Kummer: a causa di queste immagini di semi nudità il video fu trasmesso da MTV solo in seconda serata.

Riguardo ad esso, Martin Gore ha dichiarato: "Ho un pessimo ricordo della realizzazione di questo video. Passammo tutto il giorno a girare a pranzai solo con un mezzo sandwich. Finimmo il lavoro alle 8 di sera, tornai in hotel e dimenticai di mangiare; lo stesso accadde dopo in un club dove andammo e un tizio mi diede della roba, così mi ritrovai ancora sveglio e a digiuno la mattina dopo. La band aveva un incontro alle 12 e dormii un'ora. Quando mi svegliai non mi ero mai sentito così male in vita mia. Arrivai all'incontro strisciando, letteralmente, dove rimasi sul pavimento rispondendo solo 'si' o 'no' perché era l'unica cosa che riuscissi a fare. E mi sequestrarono pure la roba. Così, quando vedo questo video, penso solo 'oddio'. Mi riporta a ricordi tremendi."[2]

Il video della canzone è l'ultimo con la partecipazione di Alan Wilder.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Martin Lee Gore.

  1. In Your Room (Zephyr Mix) – 4:52
  2. In Your Room (Extended Zephyr Mix) – 6:45
  3. Never Let Me Down Again (Live in Liévin 29/07/1993) – 5:01
  4. Death's Door (Live in Liévin 29/07/1993) – 2:45

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ How We Met: Dave Gahan & Anton Corbijn - Profiles - People - The Independent
  2. ^ Depeche Mode Biography 1994
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica