In My Life (The Beatles)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
In My Life
Artista The Beatles
Autore/i Lennon-McCartney
Genere Baroque pop
Edito da Parlophone
Pubblicazione
Incisione Rubber Soul
Data 1965
Durata 2:27
Rubber Soul – tracce
Precedente Successiva
I'm Looking Through You Wait

In My Life è un brano musicale dei Beatles, composto da John Lennon, ma accreditato alla coppia Lennon/McCartney, pubblicato nell'album Rubber Soul.

È stata classificata come 23° nella Lista delle 500 migliori canzoni, redatta da Rolling Stone e 5º su "The Beatles 100 Greatest Songs". Raggiunse la 2ª posizione nella lista "50 Tracks" della CBC.

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Secondo Lennon, le origini della canzone vanno fatte risalire a quando il giornalista inglese Kenneth Allsop disse che Lennon avrebbe dovuto scrivere canzoni sulla sua infanzia.[1] In seguito, Lennon scrisse una canzone riguardo ad un autobus che era solito prendere a Liverpool. Nella versione originale, Lennon citò nel testo vari posti evocativi dell'adolescenza, come Penny Lane e Strawberry Field.[2]

Lennon considerò la canzone "ridicola", quindi rielaborò le parole, sostituendo alcune memorie specifiche con una generalizzata meditazione sul suo passato.[3] Poche righe della versione originale furono messe nel brano ricomposto da Lennon.[2] Secondo Pete Shotton, amico di Lennon, i versi «Some are dead and some are living / In my life I've loved them all» ("Alcuni [amici] sono morti e alcuni sono vivi / Nella mia vita li ho amati tutti") erano riferiti a Stuart Sutcliffe (morto nel 1962) e a Shotton stesso.[1]

Le versioni di Lennon e McCartney sono diverse riguardo alla paternità della melodia. Lennon inizialmente dichiarò che la canzone fu composta interamente da lui, in seguito disse che McCartney contribuì nella sezione a contrasto[4], ma non è chiara la parte a cui si riferisce: In My Life non contiene una sezione a contrasto, e se Lennon voleva indicare il bridge, i meriti della canzone sarebbero metà di McCartney e metà di Lennon.[5] McCartney affermò che Lennon scrisse il testo della canzone dall'inizio alla fine, prendendo ispirazione dalla melodia di una canzone di Smokey Robinson & The Miracles.[6] Disse di In My Life McCartney: «Mi piace In My Life. Furono parole scritte da John e io scrissi la melodia. È stato grande».[7]

Registrazione[modifica | modifica sorgente]

Il brano fu registrato il 18 ottobre 1965, e fu completato in una giornata tranne che per la parte strumentale.[8] Lennon inizialmente non decise quale strumento utilizzare, successivamente chiese a George Martin di suonare un assolo di clavicembalo, decidendo una canzone in stile baroque pop.[9] Martin compose un assolo influenzato dallo stile musicale di Bach.[10][11]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Walter Everett, The Beatles as Musicians: The Quarrymen Through Rubber Soul, Oxford, Oxford Press, 2001, p. 319. ISBN 0195141059.
  2. ^ a b Bob Spitz, The Beatles: The Biography, New York, Little, Brown and Company, 2005, p. 587. ISBN 1-84513-160-6.
  3. ^ David Sheff, All We Are Saying, New York, St. Martin's Press, 2000, p. 152. ISBN 0-312-25464-4.
  4. ^ David Sheff, All We Are Saying, New York, St. Martin's Press, 2000, p. 178. ISBN 0-312-25464-4.
  5. ^ Luca Biagini, In My Life, 27 aprile 2010. URL consultato il 19 febbraio 2012.
  6. ^ Barry Miles, Paul McCartney: Many Years from Now, New York, Macmillan, 1997, p. 277. ISBN 0-7493-8658-4.
  7. ^ Paul Gambaccini, Paul McCartney in His Own Words, New York, Flash, 1976, p. 19. ISBN 0825639107.
  8. ^ Mark Lewisohn, The Beatles Recording Sessions, New York, Harmony Books, 1988, p. 64. ISBN 0-517-57066-1.
  9. ^ Mark Hertsgaard, A Day in the Life: The Music and Artistry of the Beatles, New York, Delacorte Press, 1996. ISBN 0385315171.
  10. ^ Mark Lewisohn, The Beatles Recording Sessions, New York, Harmony Books, 1988, p. 65. ISBN 0-517-57066-1.
  11. ^ Bob Spitz, The Beatles: The Biography, New York, Little, Brown and Company, 2005, p. 591. ISBN 1-84513-160-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Alan W. Pollack, Notes on "In My Life" in Notes on ... Series, Rijksuniversiteit Groningen.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock