Imposta negativa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Imposta negativa è un concetto teorico sviluppato da Milton Friedman e Lady Rhys-Williams come strumento di politica fiscale, ed è intesa come un’imposta personale sul reddito che, al di sotto di una determinata soglia, definita minimo imponibile, si trasforma in un sussidio.

Nelle intenzioni dei suoi sostenitori, l'imposta negativa dovrebbe costituire un sistema universale di supporto agli individui a basso reddito, con l'obiettivo di sostituirsi agli attuali approcci assistenza sociale per limitarne i problemi: i costi elevati dovuti al mantenimento della burocrazia necessaria a gestirne i programmi e il disincentivo a trovare forme di reddito diverse dall'assistenza pubblica.

Il sussidio dovrebbe essere infatti pari alla differenza tra il reddito standard minimo e il reddito familiare effettivo, ma inferiore al reddito standard, così da disincentivare comportamenti parassitari. Con tale sistema l'assistenza sociale dovrebbe ridursi in quanto solo i bisognosi riceverebbero i sussidi ed ogni famiglia avrebbe il minimo vitale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]